BELLA MA LADRA, ARRESTATA GIOVANE MILANESE, TIPA DA SPIAGGIA
SCELTO IL POLLO, SI STENDEVA ACCANTO LASCIANDOLO IN MUTANDE!

BELLA MA LADRA, ARRESTATA GIOVANE MILANESE, TIPA DA SPIAGGIA SCELTO IL POLLO, SI STENDEVA ACCANTO LASCIANDOLO IN MUTANDE!

 16,433 total views,  2 views today

I Carabinieri di Numana, dopo mesi di indagini, hanno stretto il cerchio su Alice Metta (25 anni) e il compagno Simone Deiana (24), autori di 18 furti in fotocopia da Rimini a Civitanova Marche!


La Golf nera, sempre presente in 18 furti commessi commessi questa estate nelle spiagge libere di Numana, Senigallia e Fano (con puntate verso nord fino a Rimini e verso sud sino a Civitanova Marche) alla fine ha tradito la giovane coppia milanese.
In manette, dietro indicazione del Pubblico ministero Andrea LAURINO, convalidata dal giudice per le indagini preliminari Carlo MASINI, entrambi del Tribunale di Ancona, sono finiti Alice METTA (25 anni) e Simone DEIANA (24 anni), autori di raid da pochi soldi, quanto ripetuti ai danni degli ignari bagnanti.

Due mesi di indagine per i Carabinieri della Stazione di Numana

Peccato che anche mettendo insieme il denaro contante sottratto – dal 20 giugno al 18 settembre – ai due giovani lumbard i conti non tornino: quando 10, quando 30 euro (denaro oggetto principale dei singoli furti) il totale sgraffignato dalla coppia non arriva a sommare i 1.000 euro, buoni giusto per pagare le spese di soggiorno nelle Marche, presso una abitazione di Jesi.
Per il resto decine e decine di oggetti, di sicuro valore, ma unicamente per l’utilizzo dei proprietari danneggiati dalla improvvisa perdita e dalla necessità di rinnovo, piuttosto che per il valore intrinseco di orologi, telefonini e documenti di ogni tipo.

Ben 18 i furti portati a segno da fine giugno a metà 
settembre

I Carabinieri di Numana, a cui va il merito di aver sviluppato indagini che hanno riempito lunghe giornate di lavoro in caserma per circa due mesi, raccontano di svariate patenti, tessere sanitarie, carte di credito, bancomat e carte di identità, per tacere di telefoni, orologi, mazzi di chiavi, occhiali da sole, cuffie audio, borselli, zaini e vestiario vario sottratto ai derubati, colpevoli di aver accettato la vicinanza con una bella ragazza apparentemente innofensiva.

Sempre lo stesso, collaudato, efficace e senza rischi, il modus operandi messo a frutto dalla coppia milanese con base a Jesi.
Scelta la località, la bella Alice METTA veniva scaricata in spiaggia dal giovane Simone DEIANA che, nei pressi, ne attendeva in macchina il ritorno. Nel frattempo la ragazza, individuato il “pollo” più semplice da spennare, gli stendeva accanto l’asciugamano e prendendo il sole e ascoltando musica come una qualsiasi bagnante, aspettava in realtà il momento più adatto per colpire, ovvero l’entrata in acqua della vittima predestinata.
Niente di più facile, a quel punto, per la ragazza: bastava rialzarsi in piedi, raccogliere senza fretta le proprie cose e aggiungere ai propri anche gli oggetti lasciati incustoditi del povero vicino di asciugamano!
In diversi, usciti dall’acqua e fatto ritorno in spiaggia dove avevano lasciato tutto quello che avevano con se, sono stati costretti ad asciugare al sole per poi chiedere la cortesia ad altri bagnanti per una telefonata di soccorso a parenti o amici.

Incassata l’amara sorpresa di essere stati alleggeriti anche dei spiccioli che normalmente ciascuno porta con se per ogni evenienza, a molti è venuto a mente, professionalmente aiutati nel ricordo dai Carabinieri impegnati nel redigere il verbale di rito, che la bella ragazza stesasi accanto dopo il loro arrivo era, nel frattempo sparita.

1.000 euro in contanti ma decine di documenti, orologi, telefonini e carte di ogni tipo per un danno effettivo di circa 30.000 euro.

Sparita una, due, tre volte… quanto basta per mettere in relazione tra loro la figura femminile ricorrente e la Golf nera; l’intuito che quella poteva rappresentare la chiave di volta delle indagini, a questo punto, necessitava solo delle puntuali verifiche che, effettivamente, hanno condotto i militari a chiudere il cerchio sui due giovani.
Ieri mattina, nel capoluogo lombardo, l’esecuzione della doppia ordinanza di custodia cautelare in carcere per questo curriculum di tutto rispetto:

  1. 20 giugno 2020, in Senigallia (AN), furto aggravato in danno un 46enne residente a Spello (PG), durante il quale asportavano un borsello contenente la patente di guida e Euro 30 circa, un paio di occhiali da sole marca “Ray Ban”, ed un paio di cuffie audio.  
  2. 23 giugno 2020, in Senigallia (AN), furto aggravato in danno di un 60enne residente in Senigallia (AN), durante il quale asportavano un borsello contenente la somma di Euro 10,00 e la sua carta d’identità.
  3. 28 giugno 2020, in Senigallia (AN), furto aggravato in danno di un 58enne, residente in Milano, durante il quale asportavano una maglia, un paio di pantaloncini, un telefono cellulare marca Honor 10, le chiavi dell’autovettura marca Toyota Rav 4 ed il portafogli con all’interno la somma di Euro 21,00 e varie banconote della Tanzania.
  4. 15 agosto 2020, in Senigallia (AN), furto aggravato in danno di una 38enne residente in San Giuliano Milanese, durante il quale asportavano un portafoglio, contenente la somma di Euro 50, la carta di credito e documenti d’identità.
  5. 17 agosto 2020, in Senigallia (AN), furto aggravato in danno di un 30enne, residente in Fabriano (AN), durante il quale asportavano uno zaino contenente un orologio marca Casio in acciaio, una maglietta di colore nero con logo dell’Adidas, un paio di pantaloncini blue con la scritta “USA 98”, un paio di cuffie di marca “MPOW T6l”, le chiavi di una Ford Focus, nonché un portafoglio con all’interno la carta di soggiorno, la tessera sanitaria, la carta marca tempo ed una moneta da euro 2,00.
  6. 18 agosto 2020, in Rimini (RN), furto aggravato in danno di un 39enne residente in Milano, durante il quale asportavano, una borsa contenente un telefono cellulare marca Apple mod. Iphone X di colore nero e argento, un telefono cellulare marca Apple mod. Iphone XS MAX di colore nero e argento, un telefono cellulare marca Apple mod. Iphone 6 di colore bianco, la somma contante di euro 70,00 circa e la chiave di una stanza d’albergo.
  7. 20 agosto 2020, in Senigallia (AN), furto aggravato in danno di un 53enne residente in Senigallia, durante il quale asportavano un cellulare marca G K8 di colore nero.
  8. 25 agosto 2020, in Civitanova Marche (AN), furto aggravato in danno di un 52enne residente in Civitanova Marche (MC), durante il quale asportavano, un portafoglio contenente la patente di guida e la somma di Euro 10,00;
  9. 26 agosto 2020, in Torrette di Fano (PU), furto aggravato in danno di tre minorenni residenti in Foligno (PG), durante il quale asportavano, rispettivamente:
  • uno zaino contenente un telefono cellulare marca Samsung mod. “A8 2018”, un portafogli in pelle, contenente patente di guida, carta d’identità, la somma di euro 84,00 circa, un paio di occhiali da sole marca RAY BAN;
  • uno zaino di colore verde marca Napapijri, con all’interno un telefono cellulare marca i-phone mod. “X” di colore nero, un portafogli in pelle di colore marrone marca LEWIS, la patente di guida, carta di credito ricaricabile, carta d’identità, tessera sanitaria/codice fiscale, la somma contante di Euro 112,00 circa;
  • uno zaino contenente effetti personali;
  1. 27 agosto 2020, in Sassonia di Fano (PU), furto aggravato in danno di un 22enne residente ad Angri (SA), durante il quale asportavano uno zaino marca Kappa contenente la patente di guida, la carta di identità, la tessera sanitaria, la carta di credito ING, il telefono cellulare marca APPLE modello Iphone 8, un paio di scarpe da uomo marca ADIDAS, all’interno dello zaino erano custoditi anche oggetti di proprietà di amici, quali un telefono cellulare marca Apple modello Iphone 8 di colore nero, tessera sanitaria e la carta di identità il telefono cellulare marca Huawey modello 2019.
  2. 27 agosto 2020, in Numana (AN), furto aggravato in danno di sei minori residenti in provincia di Ancona, durante il quale asportavano i rispettivi zaini, contenenti telefoni cellulari, denaro contante, occhiali da sole ed altro.
  3. 29 agosto 2020, in Cattolica (RN), furto aggravato in danno di un 21enne residente a Sorbolo Mezzani (PR), durante il quale asportavano uno zaino marca “The North Face” contenente il portafoglio marca Calvin Klein con all’interno la tessera bancomat, la patente di guida, la  somma di € 15,00, la tessera sanitaria e la  carta di identità, nonché la borsa della sua fidanzata, contenente il bancomat Post Pay, la tessera sanitaria, la carta di identità, la  tessera dell’autobus e la somma di € 65,00.
  4. 02 settembre 2020, in Senigallia (AN), furto aggravato in danno di una 51enne residente in Monza (MB), durante il quale asportavano una borsa contenente la somma di Euro 50, un bracciale di bigiotteria ed un orologio marca Swatch.
  5. 14 settembre 2020, in Numana (AN), furto aggravato in danno di due 21enni residente in Cervia (RA), durante il quale asportavano altrettanti zaini contenenti effetti personali, documenti intestati, telefoni cellulari.
  6. 14 settembre 2020, in Senigallia (AN), furto aggravato in danno di un 32enne e un 42enne, entrambi residenti in Montodine (CR), durante il quale asportavano due borse contenenti un telefono cellulare, un paio di occhiali da sole, un telo da mare, un paio di ciabatte, nonché le chiavi dell’autovettura.
  7. 18 settembre 2020, in Senigallia (AN), furto aggravato in danno di un 27enne residente a Jesi (AN), durante il quale asportavano uno zaino marca Loccioni, contenente documenti, telepass, carte di credito, occhiali da sole, chiavi dell’autovettura, un telefono cellulare marca Huawei e la somma di Euro 10.
  8. 18 settembre 2020, in Senigallia (AN), furto aggravato in danno di un 51enne residente a Morro D’Alba (AN), durante il quale asportavano un portafoglio contenente la carta d’identità, patente di guida, tessera bancoposta, la carta di credito, la tessera sanitaria europea e la somma di euro 130,00.
  9. 18 settembre 2020, in Numana (AN), furto aggravato in danno di un 29enne residente in Padova, durante il quale asportavano un portafoglio, contenente la tessera sanitaria, la patente di guida, una carta di credito, una carta di debito e la somma di euro 300.


ABORTO, LA GIUNTA ACQUAROLI NEGA LA RU486 ALLE MARCHIGIANE!
LA REGIONE OSTACOLA LE LINEE GUIDA DEL GOVERNO SU PILLOLA E 194
STAMPA ITALIANA ALLINEATA E COPERTA: NO A "NEGRU"
PECCATO CHE IL TERMINE RUMENO SI TRADUCA IN "NERO"