DELEGATO IN OSIMO SERVIZI E PRATICANTE DA CARBONETTI
PRIMO ATTO DI JACOPO ANGELETTI INIZIA CON UN ABUSO?

DELEGATO IN OSIMO SERVIZI E PRATICANTE DA CARBONETTI PRIMO ATTO DI JACOPO ANGELETTI INIZIA CON UN ABUSO?

 3,561 total views,  1 views today

Approvato dal neo amministratore della società partecipata il conferimento di un incarico di consulenza… alla stessa impresa per la quale lavora da praticante!

Osimo servizi, primo atto sottoscritto dal nuovo Cda? Un possibile reato di abuso di ufficio! 

A firmare il documento che rischia di “impicciare” il nuovo amministratore delegato Jacopo Angeletti (30 anni, astro nascente della politica osimana di Centro-Sinistra) è la mossa che ha visto il neo Cda della Osimo servizi affidare allo studio Carbonetti la consulenza tributario-fiscale della società partecipata.



Indicato dai più come il miglior prodotto politico del settore giovanile facente capo al partito Democratico, Jacopo Angeletti (figlio di Enrico, una carriera politica negli anni ‘80 e ‘90 divisa tra Dc e Pci) ha in realtà posto le basi per un clamoroso autogol da addebitare, se dovesse essere portato a termine, in un digiuno discretamente clamoroso delle regole di base del gioco politico o – visto al contrario – in un atteggiamento sfacciatamente presuntuoso di un politico non interessato a dribblare legalmente i paletti imposti dalla legge… 

Magari paletti solo teorici (visto il recente alleggerimento dell’articolo 323 voluto dal governo Renzi) ma pur sempre reato vista la sanzione prevista, da una multa a 4 anni di carcere.

Tutto ruota attorno alla figura, giusto appunto, di Jacopo Angeletti, nominato ad agosto Amministratore delegato della Osimo Servizi, incarico per il quale Angeletti ha passato la mano in Consiglio comunale, rinunciando al mandato conferitogli dagli elettori.

A quello degli elettori (5 anni in Sala Gialla ad alzare o abbassare meccanicamente la mano per circa 30 euro ogni bimestre, circa 200 euro lordi l’anno) Angeletti ha legittimamente preferito l’assai più ricco incarico offertogli da Pugnaloni in capo alla rinnovata Osimo Servizi (con competenze allargate all’assorbimento di Astea servizi).

Incarico pienamente accettato ma fuorviato dal fatto che, da circa un anno, esattamente da settembre 2018, Jacopo Angeletti – festeggiata la laurea in Economia e commercio – risulta consulente freelance, partnership dello studio di Rossano Carbonetti. 

Jacopo ANGELETTI, Amministratore delegato di OSIMO SERVIZI

Detto in italiano corrente: praticante commercialista.

Detto papale, invece, il primo atto che Angeletti si è trovato tra le mani a sottoscrivere riguarda il conferimento di lavoro al suo datore di lavoro potenziale!

Ecco perchè, riteniamo, il reato di abuso di ufficio possa non essere ancora tecnicamente consumato visto il rapporto di lavoro tra Angeletti e Carbonetti ancora free e non perfezionato in una assunzione vera e propria.

Se però al conferimento dell’incarico fiduciario allo studio Carbonetti – costato l’affidamento all’impresa facente capo a Luca Marchegiani – dovesse seguire un regolare inquadramento lavorativo di Jacopo Angeletti all’interno dell’azienda, ecco che in Procura non si porrebbero ulteriori interrogativi.

La giurisprudenza è infatti concorde nell’affermare che il momento consumativo del reato è quello in cui l’atto produce effetto.

Nella fattispecie il potenziale abuso della carica da parte di Angeletti potrebbe essere contestato non nel momento in cui, come amministratore delegato Osimo servizi, conferisce l’incarico di consulenza allo studio Carbonetti ma piuttosto a partire dal momento in cui il proprio personale rapporto di lavoro… da occasionale dovesse diventare stabile.

Inseguito per tutto il giorno per riportare doverosamente anche il parere del diretto interessato, Jacopo Angeletti – come già Luna per la vicenda Tpl, altra società partecipata – ha preferito rinunciare all’opportunità, trincerandosi nel silenzio.

Per la cronaca il reato di abuso di ufficio, per quanto alleggerito, resta pur sempre un comportamento penale perseguito d’ufficio o – in caso di inerzia della Procura – su querela di eventuali danneggiati o esposto denuncia da parte di semplici cittadini.


PER LA STAMPA SPAGNOLA LUCA È MORTO PERCHÉ...
10.476 VOLTE GRAZIE, IN PARTICOLARE A 327 LETTORI
GRANDE SUCCESSO PER OSIMO OGGI A PAGAMENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *