OSIMO SERVIZI, INDULGENZA PLENARIA PD PER GALLINA
COGNATO DEL BENE ALLA ASSO E LA CIONCO AL BAMBOZZI

OSIMO SERVIZI, INDULGENZA PLENARIA PD PER GALLINA COGNATO DEL BENE ALLA ASSO E LA CIONCO AL BAMBOZZI

 5,328 total views,  6 views today

Mentre la città porta i curricula, OSIMO OGGI anticipa le prossime nomine nei vari Cda! Esordio per Jacopo Angeletti


EXIT POOL

View Results

Loading ... Loading ...


Il bando inneggiante alla Trasparenza, emanato l’11 luglio scorso dal Bene in persona Simone Pugnaloni, risulta talmente trasparente che basta leggerlo contro sole per scorgervi anche i nomi dei sicuri vincitori!

Jacopo ANGELETTI, futuro Presidente della OSIMO SERVIZI

Gulp! Possibile? Sarà vero? Per saperlo basterà attendere. Poco tempo. Il termine fissato dall’avviso pubblico per candidarsi – alla presidenza della fondazione “Padre Bambozzi”, alla presidenza del Cda nell’azienda speciale Asso, nonchè ambire alla poltrona più comoda del consiglio di amministrazione della Osimo Servizi SpA – è fissato per le ore 12.30 di lunedì prossimo 22 luglio; al limite all’invio a mezzo pec, entro medesima scadenza, della documentazione necessaria all’indirizzo comune.osimo@emarche.it

Entro lunedì, dunque, gli osimani in grado di comprovare di avere votato Pugnaloni lo scorso 9 giugno, nonchè dotati di incrollabile fede nel Pd e suoi alleati, possono pensare di partecipare alla lotteria della trasparenza – con un pò di fortuna – persino sperare di figurare tra i prescelti dal Bene incarnato!

Fede, speranza e ultimamente anche la carità, purtroppo, poco potranno di fronte alla ineluttabilità del giudizio adottato in prima persona niente meno che dal Bene assoluto Pugnaloni.

A togliere ogni… speranza è giusto appunto l’avviso pubblico dell’11 luglio, già dopo poche righe, allorquando specifica subito, annullando l’ultimo ideale del partecipante in buona… fede, che la prima e ultima parola su curricula e spintarelle verrà pronunciata dal Sindaco il quale, attraverso specifico decreto, procederà – senza carità alcuna – alla nomina di donne e uomini con le giuste caratteristiche.

Laura CIONCO, futura riconfermata al vertice Fondazione BAMBOZZI

OSIMO OGGI, addirittura, mettendo contro luce il documento, è riuscita a scorgere la composizione di interi nuovi Cda prima ancora che scadano i termini di presentazione!

Troppo brava la Redazione? Per una volta non vorremmo dare meriti eccessivi ai colleghi (che pure lavoravano sodo senza mollare il pezzo) ma sottolineare l’estrema disinvoltura con cui il Bene ama muoversi in pubblico, specie dopo la riconferma di giugno.

Un modo di fare e pensare talmente al di sopra dello stile terra terra in auge tra la comune gente che, in pratica, è Pugnaloni stesso e/o il suo entourage a offrire la soluzione. Non resta che dimostrarlo con i fatti.

Iniziamo l’opera di discredito dell’avviso denominato “trasparenza” indicando in Laura Cionco – già Presidente della fondazione Bambozzi, nonchè fresca dimissionaria il 18 giugno scorso dalla nomina a Consigliere comunale per il Pd (surrogata da Renata Maggiori) – la nuova presidente per il prossimo quinquennio. Se pensavate di poter concorrere all’amministrazione della casa di riposo, non sprecate il vostro tempo e dedicatevi a iniziative diverse; ne guadagnerete quanto meno in salute.

Lo stesso disinteressato consiglio, a maggior ragione, ci sentiamo di spenderlo verso coloro, in buona fede, hanno votato per la conferma di Pugnaloni e oggi non disdegnerebbero mettere all’incasso tanta fiducia; anche per voi il suggerimento è lo stesso: fatevi lunghe passeggiate al mare (possibilmente all’ombra), respirate profondo e interrogatevi a lungo sui grandi perchè irrisolti dell’uomo!

Mirco GALLINA, futuro Direttore OSIMO SERVIZI, stipendio, circa 4.000 euro mese

Ci sarà tempo, in futuro – forse, chi può saperlo? – per qualche intervento miracoloso del Bene. specie se sarete bravi a tampinarlo quanto basta ma senza eccedere, riverirlo ma non troppo, accondiscendere con leggerezza e soprattutto naturalezza ai desideri del capo.

Per questo giro, tempo perso. Risparmiate fatica e marche da bollo.

Alla presidenza della ASSO, forse la poltrona più comoda in palio per questo giro, il grande libro delle profezie ha già scritto che si insedierà Cristiano Pirani (al posto di Luigi Giacco) mentre in luogo dell’impresentabile Franco Natalucci la poltrona sarà occupata dal first brother in law, letteralmente il primo dei cognati, Alessio Angeloni, prossimo Direttore in luogo del ricordato dirigente senza titoli.

Se infine qualche illuso, lette queste righe, dovesse decidere di puntare tutto, in alternativa, sul rinnovo della non disprezzabile poltrona OSIMO SERVIZI SpA… abbandoni subito ogni castello tra le nuvole.

Alessio ANGELONI, futuro Direttore della ASSO

Se c’è uno spazio blindato, a prova di golpe, è proprio quello riguardante la neonata società alla cui presidenza gli osimani impareranno a conoscere un volto nuovo della politica, tal Jacopo Angeletti, figlio di tanto padre Pci e prossimo a diventare genero di Gilberta Giacchetti, sull’altra sponda. Insomma parrebbe un predestinato, tanto che a dimettersi dalla neo carica di Consigliere comunale Pd ci ha messo meno di un secondo… per fare che? Per gettare il seme del Bene nel solco appena arato e continuare ad inondare la comunità riunita, a quel punto anche con l’ex Male redento, dei migliori frutti possibili. Sarà un lavoro lungo, difficile e soprattutto lento. Ma nessuno in casa Pd pare mostrare alcuna fretta.

Ciliegina finale con il redivivo Mirco Gallina, uno che parlando di Bene, ha già mostrato diversi Santi in Paradiso. Il Cavaliere, respinto con perdite dalla Andreoni alla richiesta di un ritocco di 500 euro mensili (per l’incarico dirigenziale in Astea nel settore Verde) parrebbe destinato ad essere premiato da Pugnaloni in prima persona.

In questo caso, a prevalere, risulterebbe agli atti del processo interno, ha giocato la lunga militanza, una vita fa, nel Pci-Pds-Ds-Pd e la nomina a Delfino della Sinistra 2.0

Tanta devozione, pari per difficoltà ad un doppio salto mortale all’indietro, parrebbe esser valsa all’ex Presidente del Consiglio comunale l’incarico di Direttore ASSO SpA, il conseguente stipendio di circa 4.000 euro e soprattutto la cancellazione – una vera e propria indulgenza plenaria – di tutti i gravi peccati commessi per quasi 20 anni in nome delle liste civiche. Ormai acqua passata. 

Simone vincit, Simone regnat, Simone Simone imperat!


 

PUGNALONI COME NERONE, CANTA MENTRE SPARA!
FUOCHI DI ARTIFICIO IN PIAZZA COME PER SAN GIUSEPPE!
RISORSA MAROCCHINA L’AUTORE DELLA RAPINA IMPROPRIA
LMOUGHIT, INDIVIDUATO IN POCHE ORE DAI CARABINIERI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *