PUGNALONI RIBALTA LA LOGICA E CHIEDE AL POPOLO FACEBOOK:
“CHI VOLETE VOI LIBERO? IL CONSIGLIERE GINNETTI O LUNA?”

PUGNALONI RIBALTA LA LOGICA E CHIEDE AL POPOLO FACEBOOK: “CHI VOLETE VOI LIBERO? IL CONSIGLIERE GINNETTI O LUNA?”

 8,195 total views,  9 views today

Tra le pieghe della rissa da tastiera è emersa l’errata convinzione del Sindaco. “Ginnetti non ha firmato l’esposto-Luna per paura di perdere a sua volta la poltrona in sala Gialla!” Tesi falsa in diritto


Lascia sorridere l’accusa sostanziale di ignavia politica, lanciata da Pugnaloni al consigliere Ginnetti nel corso della domenica da “leoni della tastiera”, consumatasi sulla pagina Facebook del Sindaco.

In pratica, uscendo dal tema Covid in aspra discussione, Pugnaloni ha tentato più volte di allargare il tema del confronto allo spinoso caso Luna, reiterando più volte lo stesso concetto: “Se il tuo capo politico ha gli attributi – ha urlato Pugnaloni all’ex alleato Migliozzi, come farebbe qualsiasi tifoso in un qualsiasi stadio – chiedigli perchè non ha firmato in prima persona l’esposto (in Tribunale, NdR.) lasciando l’incombenza a tre amici di partito? Forse temeva di perdere il posto di Consigliere? Ginnetti tu saresti il campione della legalità osimana? Batti un colpo! Molto meglio Latini…”.


Confusione in testa per il Sindaco PUGNALONI sulle norme di decadenza dei Consiglieri Comunali

Ovviamente a simili domande talmente urlate e così mal poste il diretto interessato si è ben guardato di rispondere, lasciando in tal modo ai lettori meno in dentro con le regole-base della politica, quantomeno il dubbio che Pugnaloni avesse colto in fallo l’ex principale alleato al ballottaggio dell’anno scorso.

Non è proprio così. E spieghiamo il perchè.

Sottoscrivere il ricorso contro l’eleggibilità di Luna – o di chiunque altro – alla carica di Consigliere comunale non avrebbe comportato a Ginnetti, come a chiunque altro, alcunchè. Cittadini sono i tre osimani che hanno firmato l’esposto e altrettanto cittadino italiano, semmai rafforzato dal ruolo di Consigliere e giammai diminuito, è Achille Ginnetti.

E allora da dove nasce la sparata nel mucchio di Pugnaloni? Nasce molto banalmente (e sorprende doverlo ricordare a chi fa il Sindaco da ormai 6 anni) dalla circostanza che vuole il Consigliere comunale chiamarsi fuori – se ritiene di starne fuori, sia ben chiaro – da possibili beghe legali tra gli interessi tutelati dal Comune e il suo braccio politico formato dal Consiglio comunale. Essendo interessi chiaramente in conflitto tra loro… anche i bambini comprendono che non è possibile stare contemporaneamente in entrambe le situazioni.

Mettiamo il caso banale di un cittadino, anche Consigliere comunale, che inciampa per strada a causa di una buca o altro, riporta danni e porta il conto al Comune! Ecco questo non comportamento non è possibile. Il cittadino e consigliere comunale, nella fattispecie, è chiamato in cuor proprio ad una scelta: chiedere il risarcimento e dimettersi dall’incarico o rinunciare al risarcimento mantenendo la posizione pubblica?


Per Massimo LUNA inoltrata opposizione alla sentenza del Tribunale Civile

Rinunciando all’indennizzo per il danno subito da cittadino il problema non si pone; viceversa occorrerà prima dimettersi e poi lamentare danno e soddisfazione dello stesso.

C’è anche una terza ipotesi possibile, poco praticata come Massimo Luna insegna: chiedere il rimborso del danno e restare in Consiglio come nulla fosse.

In questo caso, però, “basterà” la semplice richiesta di un collega Consigliere per innescare un’antipatica e poco onorevole richiesta di voto di decadenza.

Basterà? Una volta, fino a 20-30 anni fa, sarebbe certamente bastato. Nel 2020 le cose, ad Osimo, funzionano molto diversamente: oggi il voto di decadenza viene di norma negato e il Consigliere in odor di incompatibilità non lascia l’amata poltrona neanche sotto le cannonate sparate da una sentenza da hoc. Tanto da far gridare Pugnaloni alla richiesta dell’esatto contrario: “Luna? E’ Ginnetti che dovrebbe dimettersi!!!”.



LUNA? CONSIGLIERE ED ANCHE PRESIDENTE TERZA COMMISSIONE!
LA PROCLAMATA DECADENZA INVALIDA I PROVVEDIMENTI DI GIUNTA?
IN ITALIA APPENA 3 GIOVANISSIMI MORTI A CAUSA DEL VIRUS
EPPURE LE SCUOLE, GLI SPAZI PIÙ SICURI, RESTANO CHIUSE!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *