MORÌ A 33 ANNI PER IL CANTIERE IN STRADA NON SEGNALATO
IL COMUNE DI FILOTTRANO CONDANNATO A PAGARE 400.000 EURO

MORÌ A 33 ANNI PER IL CANTIERE IN STRADA NON SEGNALATO IL COMUNE DI FILOTTRANO CONDANNATO A PAGARE 400.000 EURO

 14,355 total views,  2 views today

Nel dicembre 2015 ignoti rimossero le transenne su via Fiumicello, innescando il fuoristrada di un’autocisterna condotta da Mirco Frontalini, 33 anni, imprenditore di Camerano. La famiglia aveva avanzato una richiesta superiore al milione, accolta in parte dal Tribunale civile di primo grado


Qualcuno, per propria comodità (quasi sicuramente qualche residente in via Fiumicello, a Filottrano), aveva rimosso le transenne che avrebbero dovuto impedire il traffico lungo la strada trasformata in un cantiere.
Un vandalismo che costerà caro al Comune di Filottrano condannato ieri mattina in Tribunale, primo grado, al pagamento di 400.000 euro ai familiari del cameranense Mirco FRONTALINI, 33 anni: genitori, sorella e convivente.
Così quel sabato mattina, 12 dicembre 2015, quando il ragazzo, titolare con il padre di una ditta di distribuzione carburanti con sede a Camerano, imboccò senza alcun preavviso di pericolo o divieto la carreggiata interessata ai lavori, non poteva certo immaginare di essere improvvisamente giunto, senza responsabilità, all’epilogo della propria giovane vita.
Improvvisamente, è stato ricostruito in Tribunale, la cisterna contenente gasolio, ha iniziato a sbandare. Da prima verso il centro della carreggiata e poi sul lato opposto, il più pericoloso avendo uno strato di bitume formato un rialzo, rispetto alle cunette laterali ancora da realizzare, di circa 15-20 centimetri.
Un dislivello risultato fatale, quando una ruota della cisterna è finita sul ciglio vivo slittando sulla banchina ancora sterrata.

La cisterna di gasolio, capovolta di lato, dopo l’uscita di strada

Inutile ogni tentativo di Mirco FRONTALINI di riportare il mezzo su strada; uscendo dalla carreggiata la cisterna si è infatti inclinata di lato finendo la corsa, con violenza, sul terreno. Il ragazzo, stando ad alcuni testimoni, tentò di riguadagnare la sede stradale ma sul “gradino” innaturale la ruota destra della cisterna impuntò scarrocciando il mezzo fuori strada.
Nell’impatto il ragazzo, che pure indossava le cinture di sicurezza, venne proiettato addirittura fuori dall’abitacolo. Infranto il parabrezza, FRONTALINI è probabilmente morto sul colpo o forse schiacciato ulteriormente dalla cabina di guida che lo ha stretto a terra.
La Procura di Ancona, sulla scorta dei rilievi eseguiti dalla Polizia locale di Filottrano, aprì inevitabilmente un fascicolo per omicidio colposo a carico di ignoti (peraltro rimasti tali) ma certo anche il Comune di Filottrano, non segnalando la strada-cantiere, si era reso responsabile, in parte dell’accaduto.
Se è indubitabilmente vero che l’Amministrazione aveva provveduto ad emettere una ordinanza che consentiva il traffico su via Fiumicello, fondovalle di collegamento tra Filottrano e Cingoli, solo le esigenze del traffico locale (carico e scarico) e dei residenti, è altrettanto innegabile come le transenne, ovvero l’avviso che avrebbe dovuto impedire a FRONTALINI e molti altri di trovarsi a transitare nel bel mezzo di un cantiere, erano state bellamente rimosse. Oltre a mancare, il luogo, di una adeguata segnaletica in grado di mettere gli automobilisti per tempo sull’avviso del livello di pericolo.
Questa la tesa della famiglia FRONTALINI, fatta propria dall’avvocato Mirco ROSSINI, che non a caso ha avanzato al giudice, nell’atto di citazione della controparte pubblica, un maxi risarcimento di oltre un milione di euro, esattamente 1.034.000, per le colpe agli obblighi di custodia della strada teatro del fuoristrada mortale.
Addebitata all’Amministrazione filottranese, oggi in capo a Lauretta GIULIONI, la mancata adozione di misure idonee a segnalare il pericolo e ad impedire il transito; il giudice civile del Tribunale di Ancona ha ritenuta in sentenza il Comune di Filottrano responsabile, in concorso, del sinistro mortale, condannando l’Ente a pagare ai familiari-tutti la somma complessiva di 400.000 euro.

Mirco FRONTALINI, di Camerano, scomparso a 33 anni in seguito al fuoristrada mortale originato dalla rimozione delle transenne

GIÀ DETENUTO PER STALKING CI RICASCA CON UN'ALTRA!
PERSECUTORE SERIALE, DAI DOMICILIARI ALLA CELLA
DA UN MESE INTROVABILI IL TERZO UOMO E PURE LE DUE DONNE!
PURE IL MARITO CONTRO LA MOGLIE: " SEI RIENTRATA ALLE 22"