ALLARME DI VERNA: “IN ATTO UN PERVERSO GIOCO AL RIBASSO…”
MA PUGNALONI LIMA ANCORA LO STIPENDIO: DA 1.300 A 1.000 EURO

ALLARME DI VERNA: “IN ATTO UN PERVERSO GIOCO AL RIBASSO…” MA PUGNALONI LIMA ANCORA LO STIPENDIO: DA 1.300 A 1.000 EURO

 37,179 total views,  2 views today

Mentre il Presidente nazionale dell’Ordine dei Giornalisti denuncia al Governo lo stato di “vergognosa vessazione ambientale” in cui versa la categoria, il Sindaco – oltretutto giornalista pubblicista – inquadra a libro paga il nuovo addetto stampa offrendo un corrispettivo mensile da fame, addirittura inferiore all’ex portavoce!


“La mancanza di un equo compenso costituisce per il giornalismo una drammatica emergenza. Confidiamo in un deciso intervento del nuovo Sottosegretario all’Editoria Giuseppe MOLES (Forza Italia), che riesca a dare finalmente concreta attuazione a una legge del 2012 (la 233 molto farraginosa) e ne auspichiamo il rafforzamento, nell’ambito delle proposte di legge in discussione”.
Lo ha sostenuto nei giorni scorsi, in audizione in commissione Giustizia della Camera, il Presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti Carlo VERNA, che ha aggiunto: “Ho notato che la spinta delle proposte è quella di tutelare i professionisti dalle imposizioni dei cosiddetti clienti forti.
Nella professione giornalistica per i free lance il cliente è per definizione sempre dominante; nella totalità dei casi in cui si parli di compenso minimo. E per di più il giornalista lavoratore autonomo non ha altri clienti al di fuori di quelli forti”.

Martina TOMBOLINI, giornalista da nove anni, di Sant’Elpidio a Mare, nuova addetto stampa per due anni del Comune di OSIMO

Verna ha definito la condizione attuale di “vergognosa vessazione ambientale”, caratterizzata da un perverso gioco al ribasso.
“Importante – come previsto dalla proposta di legge a firma del forzista Andrea MANDELLI (Vice presidente della Camera) – la titolarietà di un’azione collettiva in capo al Consiglio Nazionale dell’Ordine, che potrebbe costituire una svolta nei confronti di una legislazione che negli ultimi anni – ha evidenziato VERNA – ha si tutelato giustamente la libera concorrenza ma lo ha fatto, anche, a danno della tutela dei lavoratori autonomi più deboli. Occorre con urgenza un diverso bilanciamento”.
A puntuale conferma delle parole del Presidente VERNA e della drammaticità economica in cui si dibatte, ogni giorno e con sempre maggior frequenza, la categoria delle piccole imprese giornalistiche, ad Osimo l’Amministrazione PUGNALONI ha inanellato, nelle stesse ore, una nuova perla di sfruttamento della professione.
Dopo gli spiccioli, circa 1.200 euro, concessi nel precedente mandato al portavoce del Sindaco Lorenzo BAIOCCO (al laccio di contratti trimestrali rinnovabili), l’Amministrazione PUGNALONI in tema di informazione è riuscita a fare anche di peggio, abbassando ulteriormente la busta paga a 1.000 euro mensili netti!
Esattamente 24.000 euro per i prossimi 24 mesi.

Carl VERNA, Presidente dell’Ordine nazionale dei Giornalisti, denuncia una “vergognosa” vessazione

A beneficiare, si fa per dire, del misero corrispettivo (pari ad un fatturato medio giornaliero di 32,88 euro!) è la collega di Sant’Elpidio a Mare Martina TOMBOLINI, pubblicista dal 2012 e inquadrata presso la società LOV Srl di Osimo, con sede al 48 di via Marco Polo.
Protocollata regolare domanda giovedì 29 aprile, la LOV si è vista riconoscere l’incarico per l’ufficio stampa alla velocità insuperabile di appena 96 ore. Lunedì mattina, 3 maggio, con in mezzo persino un week-end rafforzato dal 1° maggio, la Giunta ha convenuto, con voto unanime, sul nome migliore da cavare dal mazzo, non potendo sbagliare scelta in quanto nessun giornalista avrebbe potuto accontentarsi di meno.
Sulla carta ci sarebbe, è vero, un prontuario di contratto che prevede una quotazione media di almeno 1.350 euro, a crescere, in base a professionalità, puntualità e qualità del servizio offerto ma in realtà… sullo stipendio Osimo insegna.
Per non parlare del peso, in nome del carattere fiduciario dell’incarico, lasciato alla jungla del sotto potere, del ricatto occupazionale, del bonus politico e della parola giusta, al momento giusto, dei soliti amici degli amici. Insomma nulla di nuovo.
Piuttosto si prenda atto che il Partito Democratico, con larghissimo anticipo, ha inteso iniziare la difficile campagna elettorale 2024, post PUGNALONI, con Michela GLORIO in rampa di lancio.

Simone PUGNALONI, Sindaco e giornalista di OSIMO

ASTEA E VOCE IN CAPITOLO, PUGNALONI ALZA BANDIERA BIANCA
"IL POTERE DECISORIO E' IN MANO ALLA SOCIETA' PRIVATA..."
REFERENDUM 2 GIUGNO, OSIMO AL 70% TRA I COMUNI PIÙ TIEPIDI
IN PROVINCIA FUMMO IL COMUNE CHE SENTÌ MENO LA REPUBBLICA