“BEN VENGA L’AMPLIAMENTO DEL PRONTO SOCCORSO
MA TEMO CHE I SOLDI SIANO FINITI TUTTI NEL PAVIMENTO”

“BEN VENGA L’AMPLIAMENTO DEL PRONTO SOCCORSO MA TEMO CHE I SOLDI SIANO FINITI TUTTI NEL PAVIMENTO”

 1,423 total views,  1 views today

Pugnaloni continua a far campagna elettorale speculando sulla salute della gente

 

“BEN VENGA L’AMPLIAMENTO DEL PRONTO SOCCORSO
MA TEMO CHE I SOLDI SIANO FINITI TUTTI NEL PAVIMENTO”

 

Latini: “L’Amministrazione dica che il tesoretto del 2014 è già stato trangugiato”

Da Dino Latini riceviamo e pubblichiamo sulla vicenda pronto soccorso:
“Pur essendo a favore dei lavori di ristrutturazione previsti da tempo, rilevo che solo per iniziare i lavori di ampliamento del pronto soccorso c’è bisogno di almeno 300.000 euro, fondi che non risultano esserci.
Quindi di cosa parliamo?
Il Comune a parole dice di impegnare 200.000 euro ma solo a partire dal bilancio 2017, mentre i soldi che avevamo lasciato nel 2014 con Simoncini sono già stati trangugiati dall’attuale amministrazione PD – Sinistra.
Riteniamo che la realizzazione dei lavori di ampliamento di cui si parla siano propedeutici al rifacimento vero e proprio del Pronto soccorso.
Non si dovrebbe giocare con la salute o peggio – continua l’ex Sindaco – fare sceneggiate sugli ammalati; fino ad oggi purtroppo si è parlato solo di un progetto… privo persino di un crono programma vero che dia la dimensione dei tempi e dei costi.
Ad oggi le uniche vere risorse impegnate sono i 7.000 euro spesi per rifare il pavimento del Pronto soccorso (venuto pure male).
Come Liste civiche solleviamo invece problemi veri e concreti; tipo le 800 persone in lista di attesa al SS. Benvenuto e Rocco per un intervento di chirurgia oculistica, branca medica che rischia di chiudere in quanto la convenzione impone al dottor Mariotti di venire a Osimo fuori orario di lavoro (!) cosicchè tutto è bloccato.
Su questo tema tutti tacciono. La convenzione  – che non implica impegni di spesi ma riflette solo la volontà politico-amministrativa dell’Asur – va necessariamente modificata in modo da consentire la ripresa l’attività, in essere dal luglio 1999.
Modifica per cui ci batteremo anche a costo di andare a richiedere una deroga direttamente all’ospedale di Torrette.
Questi sono i veri problemi risolvibili dell’ospedale di Osimo!

SOSTA IMPOSSIBILE, NE MULTA, NE MULTINA
SULLE STRISCE BLU SI PAGHI PER DIFFERENZA
PUGNALONI NON FERMA "LO SCEMPIO"
MA NE TAGLIA IL NASTRO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *