ASCANI, GLI SALVANO LA PELLE PER LA SECONDA VOLTA!
ALLA GUIDA IN SUPERSTRADA COL TELEFONINO IN MANO…

ASCANI, GLI SALVANO LA PELLE PER LA SECONDA VOLTA! ALLA GUIDA IN SUPERSTRADA COL TELEFONINO IN MANO…

 2,426 total views,  4 views today

Il Sindaco di Castelfidardo – dopo aver rischiato in Germania con l’Assessore Cittadini alla guida ubriaco – stavolta ringrazia la Polizia stradale di Macerata


Scampa a possibile morte per due volte nel giro di un anno! Il Sindaco di Castelfidardo Roberto Ascani (5 Stelle) stavolta non ha aspettato che la vicenda di cronaca diventasse un caso politico ed ha preferito darne notizia in prima persona… come si fa oggi, sul proprio sito Fb.

Roberto ASCANI, Sindaco 5 Stelle di Castelfidardo, salvato per la seconda volta dalle insidie della strada

“La Polizia stradale mi ha appena comminato una multa da 115 euro per aver tenuto il cellulare in mano alla guida. Ero così arrabbiato ma così tanto arrabbiato… che li ho ringraziati per avermi salvato la vita. Pensateci quando siete alla guida…”.

Ascani può dunque dirsi un uomo fortunato, destinato a morire, fra 100 anni, nel proprio letto se… saprà però trarsi d’impaccio dalla terza disavventura stradale che, inevitabilmente, la vita gli ha già tracciato.

Dopo essere riuscito a raccontarla per essere uscito vivo da un viaggio in auto in Germania, con alla guida l’Assessore Cittadini (multato dalla Polizia di Klingenthal in quanto ubriaco per la legge tedesca), ieri pomeriggio il Sindaco fidardense a 5 Stelle ha nuovamente messo a repentaglio la vita e il futuro amministrativo di Castelfidardo per essere stato colto al cellulare (attivato con funzioni di viva voce ma non sufficienti per non correre rischi alla guida) lungo la superstrada Civitanova Marche-Macerata!

Il Sindaco stava recandosi in ospedale per andare a prendere la moglie Lara e il secondo figlio Michael, appena nato lo scorso fine settimana.

La pronta paletta di stop, mostrata dagli agenti prima dell’uscita per il capoluogo maceratese, ha ritardato l’incontro e probabilmente impedito un possibile incidente salvando, di fatto, la vita ad Ascani, per la seconda volta dopo l’analogo rischio corso in terra di Germania.

Di positivo, a caratterizzare entrambi gli episodi, il fatto che Ascani riconosca i propri errori (anche se al primo cittadino spetterebbe anche l’onere del buon esempio) e si scusi puntualmente con tutti: con il Consiglio comunale in occasione della vicenda in terra di Sassonia e stavolta auto accusandosi, con furbizia, bruciando di fatto la notizia ai media.


Sanzionato perché alla guida col cellulare in mano: multa di 115 euro

Ecco, oltre al cattivo rapporto con il Codice stradale (eppure in città non mancano le autoscuole, vedi Cantiani, Forconi, Carloni o Franco), l’altro aspetto carente di questa Amministrazione è dato dal rapporto inesistente con la stampa.

Comprendiamo che i grillini vedano i giornalisti, per Statuto, peggio del Diavolo quando incrocia l’acqua Santa… ma un minimo di spiegazioni in più non guasterebbero. Nel loro stesso interesse.

La vicenda legata al debordante utilizzo dell’auto comunale da parte dell’Assessore Ascani, a proposito di informazione e trasparenza, è già scorsa via nel dimenticatoio.


L’uscita della Superstrada per Macerata dove ASCANI è stato “pizzicato”

Sono bastati due mesi di non risposte e la Seat Alhambra comunale, dopo qualche settimana di prudente stop, pare essere tornata di stretto possesso, quasi personale, del ricordato Cittadini.

Nota finale legata ai tempi: una quarantina, in 24 ore, i commenti da parte dei cittadini di Castelfidardo alla notizia dell’avvenuta multa e soprattutto dello scampato pericolo.

Nessun intervento merita di essere ricordato.


TECNICAMENTE UBRIACO COL SINDACO ASCANI A BORDO! MULTATO IN GERMANIA L’ASSESSORE 5 STELLE CITTADINI


 

ASSALTO AL CASTING DE “IL GATTO E LA LUNA”
DECINE GLI OSIMANI CON LA VOGLIA DI ATTORE
DOPPIO PROTOCOLLO, GIORGI: “MASSIMA REGOLARITÀ”
IL VICE SEGRETARIO CERTO CORRETTA CLASSIFICAZIONE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *