CHARLY CALA IL SETTEBELLO E SUPERA UN FALLOSO LOLI
A CIVITAVECCHIA LA VITTORIA AI PUNTI VALE LE CINTURE

CHARLY CALA IL SETTEBELLO E SUPERA UN FALLOSO LOLI A CIVITAVECCHIA LA VITTORIA AI PUNTI VALE LE CINTURE

 18,218 total views,  2 views today

In bacheca il Trofeo Super Leggeri, conquistato contro un Loli rifugiatosi nel solo clinch, Metonyekpon ha ora l’obiettivo del Titolo italiano. Per l’osimano del Benin 7 vittorie su 7 da professionista


Settimo successo consecutivo per l’osimano Charlemagne METONYEKPON che, sul ring di Civitavecchia, ha battuto il romano LOLI e conquistato il Trofeo delle Cinture 2021 FPI categoria Super Leggeri!
Finalmente di fronte ad un gran pubblico e per l’occasione in diretta You tube sul canale della Federazione (mezzo che ha portato molti osimani a scoprire per la prima volta le non comuni doti del concittadino di origini beniniane) “Carlomagno” ha battuto lo sfidante al titolo assai più nettamente di quanto non dica il verdetto dei tre arbitri.

Nella foto di MaxPetrus, il momento culminante in cui l’arbitro alza il braccio a CHARLY

Programmato sulle 8 riprese – di cui pareggiate sostanzialmente solo le prime tre, sostanzialmente a causa e del reiterato ricorso al metodo ostruzionistico del clinch da parte di un LOLI in chiara difficoltà sulla corta distanza – il confronto ha subito mostrato tutte le difficoltà del 24enne locale nell’affrontare il corpo a corpo contro un avversario, il nostro Charly, decisamente più dotato sul piano tecnico e dell’allungo.
Impostato sul piano della resistenza fisica e della durezza dello scontro, il macth si è infiammato attorno alla quarta e fino alla sesta ripresa, consentendo all’alfiere della boxing club Castelfidardo di avere quanto è bastato per assicurarsi un successo mai in discussione.

Uno dei rari momenti di boxe in cui i due pugili non si sono ritrovati allacciati

A soffrirne, purtroppo, è stato lo spettacolo, troppo spesso interrotto sul nascere dagli “abbracci” di LOLI, puntualmente sanzionati dal giudice arbitro. Ciò nonostante per il laziale, consapevole di confrontarsi con un avversario tecnicamente e fisicamente supertiore, non ha potuto che prolungare l’atteggiamento rinunciatario, puntando tutto su un colpoo fortunato di cui però LOLI non ha mai avuto opportunità nel corso dei 24 minuti.
Inutili a redarguirlo i richiami ufficiali, almeno un paio, che hanno colpito il pugile romano nei tentativi, ripetuti, di avvinghiarsi a METONYEKPON impedendo al nostro rappresentante di sfoderare la consueta boxe spumeggiante.

Ancora uno scatto dal ring di Civitavecchia

Sono bastati, così, un paio di colpi ben assestati, andati a segno tra la 4°, 5° e 6° ripresa, per far spostare l’ago della bilancia, in via definitiva, verso un esito marchigiano. Un paio di diretti al volto, subito doppiati da precisi ganci, sono stati accusati da LOLI, seppur va dato merito di aver trovato la forza di concludere dignitosamente in piedi il confronto.

Il giusto verdetto, alla fine dell’incontro, ha sancito l’imbattibilità di Charly, vittorioso 7 volte su 7, nella nuova realtà professionistica; esito accettato da LOLI che nellì’applaudire sportivamente all’avversario ha rimandato il giudizio finale al futuro, con più importanti traguardi in ballo.
Il riferimento è chiaramente al titolo Italiano Super Leggeri (peso fino a 67 kg.) che a questo punto diviene terreno, più che per una rivincita di LOLI, della nuova asticella poosizionata da Charly in carriera.

I due maestri fidardensi MARRA e GABBANELLI con un tricolore profetico sulle spalle di CHARLY

Il 25enne osiman-fidardense, complimentato a bordo ring dai Maestri di sempre – Andrea GABBANELLI e Daniele MARRA – ha confermato di avere chiaro in mente il prossimo obiettivo ed ha assicurato tutti, compreso un nutrito gruppo di fans fidardensi presenti sul longomare tirrenico, che i prossimi maych di perfezionamento dovranno condurre ad avvicinare l’obiettivo.

Obiettivo, non è troppo presto per dirlo, che potrebbe essere ospitato proprio a Castelfidardo, a conferma di quanto l’intero ambiente che ha tirato su e visto crescere METONYEKPON sul piano professionale, creda a chiuso occhi sulle possibilità ulteriori di crescita del ragazzo.

Massimo PIETROSELLI
Delegato FPI Marche

METONYEKPON indossa la cintura del trofeo 2021 superleggeri

CONERO, FALSO ALLARME DI UN MITOMANE DIETRO AL MISTERO?
NESSUN DISPERSO, DOPO 60 ORE STOP ALLE RICERCHE
INELEGGIBILE CONSIGLIERE, INDEGNO MAESTRO DEL LAVORO?
CASO LUNA, PIOVE SUL BAGNATO SULL'EX AMMINISTRATORE PD