IL VIRUS CONTA UN’ALTRA VITTIMA OSIMANA
CON LA MORTE DI ANITA PAOLONI IL CONTO SALE A 13

IL VIRUS CONTA UN’ALTRA VITTIMA OSIMANA CON LA MORTE DI ANITA PAOLONI IL CONTO SALE A 13

 16,535 total views,  2 views today

Il decesso l’altro giorno presso l’ospedale Covid di Civitanova Marche. Ad oggi scomparse 6 donne e 7 uomini


Tredicesimo decesso osimano imputabile alla compresenza del Covid 19 ad altre patologie. L’altro giorno ci ha lasciato la signora Anita Paoloni, 80 anni, vedova Mengoni, facendo salire a sei la tragica contabilità dei decessi femminili in città, in epoca virus.

L’evento si è purtroppo verificato martedì pomeriggio, presso l’ospedale-covid di Civitanova Marche, dove l’anziana donna era ricoverata.

Anche nel caso di Anita Paoloni, dopo le vicende di Tarcisio Morbidoni, Benedetto Spinsante e di altri sette episodi – tra cui i numerosi casi di anziani registrati alla Grimani-Buttari nel periodo più caldo della pandemia – la morte è sopraggiunta in seguito ad un aggravarsi di un quadro generale già debilitato da altre patologie, rafforzate dalla presenza del Corona virus. Ferma a tre la triste contabilità degli scomparsi osimani da addebitarsi unicamente alla crisi sanitaria in atto.


Nell’immagine di repertorio, uno dei funerali COVID19

Complessivamente, dunque, ammontano a sei, le vite femminili strappate dal Covid ad Osimo (età media 83 anni e mezzo); mentre non si contano altri decessi, oltre i sette i lutti maschili, imputabili al mal cinese.

I funerali della signora Anita Paoloni si sono svolti questa mattina presso la chiesa della Misericordia e da qui al cimitero, accompagnata dall’affetto dei figli Stefano, Giuseppe, Daniele e Anna e dal rimpianto dei molti che si sono uniti alla famiglia Paoloni nel ricordo della donna.



Nelle Marche, così, le persone decedute dall’inizio della crisi salgono a 990, età media 80 anni e mezzo: su 990 eventi mortali, però, ben 939 hanno visto il virus solo quale agente finale di una situazione già compromessa da una o più patologie pre-esistenti. 

Se ne deduce che i morti marchigiani ascrivibili fino in fondo alla comparsa della pandemia ammontano al momento al numero contenuto di 51. Soltanto 16, infine, i malati ricoverati nelle varie terapie intensive della regione. 125 i marchigiani ricoverati con sintomi e ancora 1.883 gli isolati, posti in quarantena volontaria presso il domicilio.


PLASMA, ANCHE LE MARCHE VERSO LA GUARIGIONE!
CERISCIOLI SI IMPONE, COMITATO ETICO BATTUTO
VIRUS, SCAGNOZZO MAFIOSO VINCE LA GUERRA DELLE PERIZIE MEDICHE
LIBERA TUTTI ANCHE PER BOSS CATANESE DEDITO A PIZZO E ARMI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *