FALSO INGEGNERE SMASCHERATO DOPO 35 ANNI DI LAVORO!
PROFESSIONISTA IN PENSIONE HA INSEGNATO A JESI E FABRIANO

FALSO INGEGNERE SMASCHERATO DOPO 35 ANNI DI LAVORO! PROFESSIONISTA IN PENSIONE HA INSEGNATO A JESI E FABRIANO

 92,832 total views,  7 views today

FALSO INGEGNERE SMASCHERATO DOPO 35 ANNI DI LAVORO!
PROFESSIONISTA IN PENSIONE HA INSEGNATO A JESI E FABRIANO

Grande merito esclusivo ai Carabinieri di Osimo che indagando su voci sono giunti alla realtà


Per 21 anni ha profuso Fisica agli ignari allievi dell’Itis “Marconi” di Jesi; un’altra carriera scolastica (per un totale di 35 anni di insegnamento) il professor Leonardo Mazzini di Poggio San Vicino – 68 anni, divorziato e in pensione da appena un anno – l’aveva invece vissuta a Fabriano, presso la cattedra dell’istituto tecnico agrario “Vivarelli”.

Leonardo Mazzini

Calato da sempre nella propria parte di professore integerrimo, Mazzini in finale di carriera ha pensato di mettere a frutto l’antica laurea in Ingegneria civile ed edile, conquistata ad Ancona nel 1983 con il massimo dei voti, partecipando a sopralluoghi e verifiche nelle aree del cratere interessate al terremoto 2016, rilasciando una quantità di atti relativi alla agibilità di diversi fabbricati post terremoto, specie nei Comuni di Vallo del Nera, Macerata, Cerreto d’Esi ed Ascoli Piceno.

Peccato che la firma del dottor Mazzini in calce a quei documenti, ai fini della effettiva sicurezza delle case danneggiate dal sisma, potesse valere ne più, ne meno le stesse probabilità che ciascuno di noi, ingegnere compreso, può avere acquistando un biglietto del Gratta e vinci!

Per tacere di una intera carriera trascorsa a dispensare scienza e relativi voti ad almeno due generazioni di studenti, promossi o bocciati con lo stesso criterio che il primo passante di fronte l’Università può avere di fronte ad una materia talmente complicata come Ingegneria!

A smascherare tutto questo è toccato ai Carabinieri di Osimo, in particolare al valente Maresciallo maggiore Massimo Paoloni, Comandante la locale Stazione di Camerano, cui è toccato il merito di smascherare il falso ingegnere da una vita.

In realtà sul conto dell’insegnante, ogni tanto, spuntavano voci, dicerie, favole metropolitane mai indagate in quanto – si è sempre pensato – frutto di piccole invidie, ripicche e vicende di paese.
Insomma la realtà sulla vera identità professionale dell’ing. Leonardo Mazzini non sarebbe mai emersa se, ad un centinaio di chilometri di distanza, un sottufficiale, più attento e disponibile al lavoro di altri, non avesse intuito che dietro a troppe chiacchere in libertà non ci fosse per davvero, ben nascosto, il bandolo dì una intricata matassa.



Una indagine di oltre un anno, che non ha lasciato nulla al caso e che all’inizio, come in tutte le vicende riguardanti colletti bianchi o pezzi da 90 dello Stato, è sembrata infrangersi di fronte alla enormità di quello che era un semplice sospetto da passare ai raggi X.

L’intuizione del Comandante Paoloni, così, incastro dopo incastro, ha rivelato effettivamente che il pezzo di carta certificato come autentico, in più occasioni, dal funzionario incaricato del Comune di Poggio San Vicino, nei lontani anni 1992 e 1993 (reato ampiamente prescritto), in realtà non era mai esistito!

Lo studente di lungo corso Leonardo Mazzini, iscritto per circa 16 anni ad Ancona all’Università politecnica delle Marche dal 1969 al 1986, nonostante i tanti anni trascorsi, non aveva ancora dimostrato di sapersela cavare di fronte a calcoli, staticità e quant’altro, fermo al quarto anno di Ingegneria.

Da qui lo stop con l’esperienza nel capoluogo per continuare gli studi a Camerino, stavolta iscritto, dall’anno accademico 1984-’85, al corso di Geologia, corso dal quale si sono perse le tracce universitarie del Mazzini… che non ha più rinnovato l’iscrizione.

Nella realtà il sedicente professore aveva già chiaro in mente il proprio futuro e come aggirare l’ostacolo insormontabile del dottorato.

L’età, del resto, era quella giusta, circa 33 anni, per cui la laurea si è l’è consegnata da solo, col massimo dei voti, 110 su 110, in data 22 giugno 1983, ad Ancona.
Ma come tradurre l’agognato titolo in un lavoro e in una carriera di prestigio? E’ bastato inviare copia fotostatica ma “autenticata” del diploma di Laurea all’ufficio scolastico  regionale per le Marche, indicando il corso di studi e il punteggio ottenuto.

Da qui l’idoneità a partecipazione a concorso pubblico, con titolo e voto certamente a determinare un ottimo punteggio; finalmente un esame vinto, quello che ha visto il dottor Mazzini trasformarsi in professore, essendo risultato assunto – il 1° settembre 1991 – dall’istituto Vivarelli di Fabriano e assegnato dal 1996 e per oltre un ventennio alla cattedra del già ricordato istituto Marconi di Jesi.

Senza più ombra di dubbio le indagini condotte con discrezione a Camerano, hanno così certificato la bontà del lavoro intrapreso e portato smascherare un personaggio capace di costruirsi, fino alla “meritata” pensione, una carriera di tutto prestigio… ai danni, in primis, della persona che avrebbe effettivamente meritato di compiere analogo percorso… ma risultata danneggiata dal falso ingegnere.

Così come pure con danni vari escono, da 7 lustri di carriera, tutti quei studenti bocciati dal professore sedicente Ingegnere; per tacere della macchiata reputazione dei due onorati istituti scolastici dove Mazzini ha dispensato la propria carriera, istituti però incapaci e quindi colpevoli di non aver approfondito la benchè minima verità.
Peggio di tutte ne esce l’immagine dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Macerata a cui Mazzini risultava evidentemente iscritto, con ogni regolarità, da sempre.

E che dire dell’incarico conferitogli dalla Protezione civile per certificare gli appartamenti e le soluzioni tecniche sulle case danneggiate dal terremoto del 2016?

Insomma il professor Mazzini, avvisato nei giorni scorso della chiusura delle indagini preliminari, avviate in sinergia tra Carabinieri e Procura di Ancona, avrà un bel da fare per fornire all’opinione pubblica e agli Enti e colleghi che lo hanno certificato “ingegnere” per una vita, la giusta spiegazione di ogni cosa.

Per ora, colui che appare il falso prof, si è limitato a negare ogni addebito senza però riuscire a smontare l’indagine a proprio carico producendo l’attestato, quello vero, che lo attesta Dottore. Andrebbe bene anche con il minimo dei voti…

Un ringraziamento particolare, inconsueto per un articolo di cronaca, va invece ai Carabinieri osimani e in primis al Maresciallo Paoloni per aver scritto, tra tante pagine di buona cronaca a cui siamo abituati, un episodio davvero significativo di come l’Arma intende il lavoro di ogni giorno.


IL PROFESSOR MAZZINI SI PROFESSA INNOCENTE MA SI DIMETTE DALL’ORDINE E NON MOSTRA LA LAUREA


 

AD OSIMO LA FESTA REGIONALE LEGHISTA 2019?
OBIETTIVO GRANDE SLAM: ACCOPPIATA COMUNE + REGIONE
CON LA RUSPA CONTRO IL SELF SERVICE Q8
BOTTINO ABBANDONATO E BANDA IN FUGA PER CAMPI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *