PATTO DAL NOTAIO TRA GINNETTI E PUGNALONI?
SAMPAOLO TERZO INCOMODO NELL’ACCORDO COL PD

PATTO DAL NOTAIO TRA GINNETTI E PUGNALONI? SAMPAOLO TERZO INCOMODO NELL’ACCORDO COL PD

 10,502 total views,  2 views today

Ai democrat due giorni di vantaggio per trattare con il più votato di Progetto Osimo


SCEGLI IL NUOVO SINDACO AL BALLOTTAGGIO DEL 9 GIUGNO

  • Dino LATINI (51%, 91 Votes)
  • Simone PUGNALONI (45%, 80 Votes)
  • Non so (3%, 6 Votes)

Total Voters: 177

Loading ... Loading ...

In atto tra Pugnaloni e Ginnetti, all’insaputa di rispettivi elettorati, un contratto aleatorio che garantisce il candidato Ginnetti (Progetto Osimo) in caso di successo elettorale di Pugnaloni?

Dottor Guido SAMPAOLO ha ottenuto 261 preferenze, specie ad Osimo Stazione

La voce, già difficilmente verificabile in tempi di rapporti normali (figuriamoci se l’uno da anni evita attentamente qualsiasi rapporto e l’altro diffida la testata a fare informazione politica che la riguardi), ci ha fatto “ammattire” per un paio di giorni ma alla fine, sviluppatasi da più ambienti, tutti autorevoli ed extra osimani (quindi non parte in causa nel ballottaggio), ha portato ad una conferma di livello tale da autorizzarci ad eliminare il punto interrogativo.

In pratica la notizia verte fino in fondo sull’accordo politico, peraltro sbandierato da OSIMO OGGI.it fin da febbraio, a reciproca garanzia di Pugnaloni e Ginnetti e da farsi valere in caso esclusivo di esito al ballottaggio con il terzo incomodo Latini.

Per maggior tranquillità reciproca Pugnaloni e Ginnetti, concordando anche su questo passaggio, hanno ritenuto di dare all’alleanza segreta il maggior valore di un patto d’onore… meglio se siglato e garantito se sottoscritto davanti ad un notaio che le nostri fonti hanno individuato esercitare in quel di Cingoli.

Anche la data dell’accordo in carta da bollo, in termini legali “contratto aleatorio” ovvero qualcosa di molto simile all’accordo di governo in atto tra Salvini e Di Maio, è fuori discussione essendo il tutto messo nero su bianco quando il ballottaggio era solo una previsione possibile.

Top secret, invece, quanto Pugnaloni riconoscerà a Ginnetti, in fatto di benefit, in caso di decisivo sostegno dell’elettorato ex civico manovrato da Ginnetti in funzione pugnaloniana.

Achille GINNETTI ufficialmente a guardare l’esito del ballottaggio

I nostri segugi, per quanti abili e rotti a tutte le esperienze, avrebbero necessitato di qualche giorno in più… tempo che non abbiamo più a disposizione essendo il traguardo della notizia – 9 giugno – ormai visibile dietro l’ultima curva elettorale.

Possiamo comunque immaginare e ragionare. Pensando di non essere a troppi chilometri di distanza della prima versione dei fatti, vale a dire di un Ginnetti non particolarmente interessato, per se, all’ennesima esperienza amministrativa – in pratica portata avanti, salvo brevi momenti, dal 1995 al 2014 – ma intenda costituirsi un più solido terreno di lancio, in casa Pd, in vista delle imminenti Regionali 2020.

Come possa, poi, un Pd in piena crisi aiutare concretamente le istanze della base osimana per un candidato extra partito, è tutto da vedere e inventare; stante la posizione di estrema debolezza del Partito Democratico all’interno della struttura regionale e stando la legge elettorale che prevede notoriamente l’apposizione di preferenze.

Preferenze che introducono un ulteriore casus belli all’interno delle discusse liste ginnettiane, a tutto danno dei 40 candidati in Consiglio comunale; un nuovo caso che pone in dubbio la quantità di moralità residua sotto la quale, pur in tempo di elezioni, non si dovrebbe poter scendere.

Le solite nostre fonti, che indichiamo genericamente in pubblici ufficiali operanti in Prefettura, giurano e spergiurano di conoscere le motivazioni del clamoroso ritardo che ha portato la pubblicazione delle preferenze ad una estenuante attesa di ben 72 ore – abbiamo scritto e ripetiamo ben 72 ore! – dall’apertura dello scrutinio.

Anche in questo caso l’ordine o meglio il consiglio o meglio ancora il suggerimento di prendersela comoda, non avere fretta, non commettere errori, di ricontare e verificare schede e preferenze una ad una per ventimila volte parrebbe essere venuta a funzionari vicini al solito Partito democratico.

Dietro il nobile motivo di non ripetere la figuraccia del 2014, quando un Pd senza controlli ai 33 seggi ribaltò il risultato e quindi la volontà della maggioranza degli elettori osimani (grazie ad un paio di Presidenti di seggio diciamo “amici”), anche stavolta qualcuno, democrat sulla carta ma poco democrativo quando serve, ha giocato sporco.

Per PUGNALONI due chance, il patto con GINNETTI o l’accordo con SAMPAOLO

Un elenco provvisorio delle preferenze raggiunte dai candidati delle otto liste escluse, quantomeno limitato a coloro ne hanno ricevute a decine e/o centinaia, risulta disponibile a Pugnaloni e circolante in ristretto ambito fin da lunedì notte!

In pratica, prendendosi due giorni di tempo in più, si è colta l’occasione per fare teorica bella figura e soprattutto avere lo spazio per contattare, per primo, il più votato della lista ginnettiana “Progetto Osimo”, cioè il dottor Guido Sampaolo titolare di 261 ghiotti voti.

Un accordo, anche questo, se ci sarà stato, facilmente verificabile, sommando al ballottaggio i voti di Pugnaloni e Sampaolo, sezione per sezione; quanti ce ne potranno essere, in caso di avvenuto accordo, sui 261 teorici? E soprattutto verificando se risulteranno sufficienti o meno per ribaltare l’esito del primo voto.

Unico elemento su cui ancora, per le note ragioni di fretta, brancoliamo nel buio è se l’accordo possibile Pugnaloni-Giampaolo è a conoscenza e quindi benedetto da Ginnetti o se invece, guerra per guerra, il dottor Sampaolo agisce, se agirà, puntando tutto sul silenzio e sulla dichiarazione ufficiale, stra nota, che vede il mancato apparentamento Pugnaloni-Ginnetti.

Curiosità tutte prossimamente svelate dall’analisi del voto degli osimani.


 

PREFERENZE "TERRITORIO E COMUNITÅ"
PREFERENZE "PROGETTO OSIMO"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *