PROTOCOLLO, STESSO NUMERO AD ATTI UGUALI E OPPOSTI!
CASO LUNA, UTILIZZATO DUE VOLTE IL CODICE 13057

PROTOCOLLO, STESSO NUMERO AD ATTI UGUALI E OPPOSTI! CASO LUNA, UTILIZZATO DUE VOLTE IL CODICE 13057

 2,119 total views,  2 views today

Ipotizzati gravi reati penali sia per l’amministratore TPL che per la macchina comunale. Ultimato il fascicolo amministrativo all’attenzione del Prefetto


Caso Luna, l’affare si ingrossa: protocollati in Comune due diversi documenti – dimissioni da amministratore TPL e convocazione dell’assemblea dei soci TPL – con la stessa data e addirittura lo stesso numero di protocollo: 13057 punzonato due volte la mattina di giovedì 9 maggio scorso.


Evidenziato in galletto il numero di protocollo informatico identico per entrambi i documenti

 


Pur non essendo avvocati, ci pare di tutta evidenza il susseguirsi di due diversi reati: il primo, punito dall’articolo 483, compiuto da Massimo Luna che attesta falsamente ad un pubblico ufficiale fatti contrastanti e opposti dai quali non può emergere la verità e per questo punito con la reclusione fino a 2 anni.

E’ infatti punita la condotta di colui che, compromettendo la fiducia dell’opinione pubblica riguardo ad un atto pubblico, ne viola la garanzia di veridicità.

Massimo LUNA, il terreno rischia di precipitare sotto i piedi

Delle due l’una: il 9 aprile 2019, stando ai due opposti documenti protocollati stranamente entrambi il 9 maggio e che pubblichiamo: o il signor Massimo Luna, non ancora consigliere comunale, attesta le proprie dimissioni da TPL o convoca per il 20 e 21 maggio 2019 il Cda… da cui si è appena dimesso!

Le due cose insieme non stanno bene e ipotizzano a carico di Luna, oggi anche consigliere comunale e più che mai incompatibile, il reato di falso in atto pubblico.

Con l’aggravante riferita all’ordine del giorno del Cda TPL, ordine del giorno limitato alla preso d’atto del bilancio di esercizio 2018 negativo e conseguenti deliberazioni, senza alcun riferimento alla volontà protocollata di voler passare la mano e dimettersi dalla guida dell’azienda trasporti.

Giuliano GIULIONI, Segretario e responsabile della macchina comunale

Ma conseguenze gravi sono nell’aria anche per il pubblico ufficiale che il 9 maggio scorso, nell’esercizio delle proprie funzioni, ha formato due atti uguali e opposti! Di fatto due falsi!

In questo caso l’articolo 476 ci va più pesante e punisce i colpevoli, con la reclusione da 3 a 10 anni; ovvero coloro che il proprio operato concorrono nel far venir meno il bene giuridico della fede pubblica, vale a dire la fiducia che la collettività ripone nella verità e genuinità di determinati documenti circa provenienza e contenuto.

La vicenda del doppio numero protocollo – il 13057 timbrato due volte il 9 maggio scorso – purtroppo, pur gravissima, non appare isolata o a se ma inserisce in pieno, al contrario, nella discussione politica in corso circa la legittimità del ricordato Massimo Luna (Pd) a sedere contemporaneamente tra le fila della maggioranza e a l vertice della controllata TPL, vicenda per la quale, per senso civico, OSIMO OGGI ha già dato corso al Prefetto di Ancona D’Acunto di chiarire la querelle. Nei particolari.


 

GINNETTI AL COVO APRE LA CAMPAGNA ELETTORALE 2020
SAMPAOLO, BUTTARI PRENOTATO; GATTO CONSIGLIERE
SENZA ASSICURAZIONE E SENZA PATENTE PER LA 3° VOLTA!
PIZZICATO DI NUOVO EMANUELE CARLONI, 33 ANNI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *