SILVANA SMENTISCE LE STAR DI FACEBOOK E TELEGRAM
CASO DENISE: “NON SONO IO LA DONNA DEL FILMATO”

SILVANA SMENTISCE LE STAR DI FACEBOOK E TELEGRAM CASO DENISE: “NON SONO IO LA DONNA DEL FILMATO”

 33,448 total views,  14 views today

“Chi l’ha visto?” a Rovato, bussa in casa della 45enne Rom, scoprendo una facile verità. La zingara bresciana non ha nulla a che vedere con la scomparsa di “Danas”. Solo suggestione autoalimentata dal passa parola. “Ho terrore di uscire di casa e incontrare la gente! Mi hanno mandato in depressione… io da 8 giorni non dormo più…” Smontata anche la tesi 2018 di Mariana: “Non sono mai stata a Parigi!”


Per vedere il video di Silvana JANKOVICJ a “Chi l’ha visto?” clicca qui e vai a -2.18.48 a -1.46.38


“Io quando ho visto, mi hanno detto i parenti… che hanno visto la mia foto su Facebook… io non ci credevo finchè non l’ho vista!
Voglio dire solo che io non sono la signora, non c’entro niente con questa vicenda. Solo mi vergogno e sono umiliata, in tutto il mondo, che mi hanno messo la foto! Io mi vergogno a uscire fuori! Chissà che pensa la gente? La gente pensa di tutto… ma io non sono questa (indicando il fermo immagine del filmato di Felice GRIECO girato a Milano nel 2004, NdR.)… questa qui non sono io!
Io c’ho dei segni nella fronte; c’ho questo segno qua (la donna indica una evidente macchia scura, all’altezza della fronte, che rende Silvana Jankovicj super riconoscibile, NdR.) da 35 anni… qua si vede (tornando all’immagine riconosciuta dalla guardia giurata, NdrR.) che non c’è il segno”.

Silvana JANCOVICHJ, 45 anni, macedone-croata, residente da sempre a Rovato, in provincia di Brescia. Qui l’hanno cercata e trovata i colleghi di “Chi l’ha visto?”

Silvana a questo punto mostra all’inviata di “Chi l’ha visto?” una sua vecchia foto, datata 2004, l’anno della scomparsa della piccola Denise.
“Vedi la data? Vedi tu la data dietro – dice Silvana invitando la giornalista a verificare il retro della foto – c’è il 2004. Tutto l’anno siamo stati vicini ad una nostra cugina (ritratta con Silvana in foto, NdR.) che stava male per il tumore. Perchè devono dire le menzogne su questa vicenda? Devono avere vergogna, vergogna! Anche per queste mamma e anche per questa figlia che è scomparsa”.
E poi tornando all’accostastamento della foto segnalatica del 2015 riconosciuta con certezza assoluta sia da Felice GRIECO che da Mariana TROTTA, rispettivamente star riconosciute, per quanto virtuali, di Facebook e di Telegram.
“La mia storia è stata associata ad una vicenda molto brutta. Molto brutta ma però non c’entro niente, niente, niente… mi hanno fatto star male, mi hanno fatto andare in depressione… Io non dormo da 8 giorni”.
E in effetti, dalla foto 2004 mostrata, Silvana non sembra proprio la donna del filmato 2004. Anzi con assoluta certezza si può affermare il contrario: Silvana JANKOVICJ non è la donna di Milano.
Interviene anche l’avvocato di Silvana, il legale Monica GNESI di Monza, per specificare anche sui reati commessi dalla donna.
“I reati sono sempre gli stessi – spiega l’avvocato a “Chi l’ha visto?” – ovvero quelli commessi da minorenne; dopo di che la signora non ha più commesso reati. E in ogni caso non vedo cosa c’entrino in una vicenda che riguarda la piccola Denise”.

Sconfessata su tutta la linea la fantasiosa ricostruzione 2018 di Mariana TROTTA, autoconvintasi di cose purtroppo non vere

Chiamata in causa da Felice GRIECO, Silvana non si accontenta di vincere solo sulla guardia giurata e il versante Facebook ma ha inteso chiarire le cose fino in fondo anche con Mariana TROTTA e l’altra piramide social a nome Telegram.
La giovane rumena, adottata in Italia, giura anche lei, in rete e in tv, di aver visto Silvana nel maggio 2018, in un campo nomadi alla periferia di Parigi, continuamente intenta a cucinare col nome di Florina.
“Ma non è vero. Io non sono mai stata a Parigi, in un campo. Mai. Lei sta dicendo il 2018, giusto? Mi trovavo all’ospedale di Monza, andavo e venivo. Stavo a Rovato (Brescia) mi conoscono. I Vigili mi hanno fermato con la macchina ed ho il documento, la prova, che mi hanno fermato, a Rovato, su una macchina senza patente. Ho tutti i documenti che servono”.
E ancora: “Conservo tutto” – dice la Rom mostrando sia il verbale che le bollette della luce consumata nel periodo cosiddetto “parigino”, purtroppo mai esistito. Bollette e verbali entrambi intestati a Silvana.
E infine, dopp il dolore per essere stata ingiustamente tirata in ballo in una vicenda ormai senza più capo ne coda, viva esclusivamente a fini mediatici e audience, Silvana è passata al contro attacco.
Dopo aver ribadito di essere disponibile ad essere sentita sulla vicenda dagli inquirenti che stanno continuando ad indagare sulla scomparsa, Silvana JANKOVICJ, croata-macedone, ha diffidato la Rete.
“Chi si metterà a pubblicare ancora la foto – ha minacciato la nomade – e ad accompagnarla a delle menzogne… io faccio altre denunce! A tutti quanti quelli che metteranno ancora queste foto. Io ho vergogna, sono umiliata! So bene che non c’entro nulla ma se mettessero le foto a te e te le pubblicano così, come ti sentiresti tu? Per favore mi puoi rispondere? Come ti sentiresti tu?”
“Io sarei traumatizzata” – risponde con un filo di voce la collega di Rai3.
“Traumatizzata?” Sorride ironicamente Silvana…. “Direi schoccata”.

Una bella immagine di Denise PIPITONE al momento della scomparsa

Fin qui il lodevole scoop realizzato da “Chi l’ha visto?” bussando all’indirizzo ultra conosciuto di Rovato, indicato da OSIMO OGGI. Uno scoop interessante in quanto pone punti fermi inamovibili: ovvero che si possono fare danni e danni gravi anche risultando in perfetta buona fede.
Sostituirsi a chi per natura deve indagare non è mai cosa buona, anche se fatto a fin di bene. Nella vicenda Denise, per essere più chiari Felice GRIECO non sarebbe mai dovuto diventare… GRIECO Felice, quello del video e tantomeno Mariana TROTTA trasformarsi in TROTTA Mariana, la testimone parigina.
Se entrambi sono diventati quello che sono la “colpa” non è solo della buona fede (che resta fino a prova del contrario) ma di chi, colpevolmente, Rai e Mediaset su tette, ha dato loro spago, per 17 anni, a colpi di trasmissioni in tutte le fasce orarie possibili, centellinate in ore e ore e ore per scoprire, alla fine, il nulla.
Tanti mea culpa non guasterebbero… ma non arriverann. Più facile che Denise torni a casa, un giorno o l’altro.

Finalmente un punto fermo anche per la guardia giurata Felice GRIECO: Silvana JANKOVICHJ non è la donna del filmato del 2004 (ammesso che la donna del filmato abbia qualcosa a che fare con DENISE)

ACCOLTE LE DIMISSIONI DI LUNA, CONSIGLIERE NON ELEGGIBILE!
IN REALTÀ IL CAVALIERE AVREBBE DOVUTO LIMITARSI A NULLA
"UNA PENSIONE PER L'ANGELO DIMENTICATO DI VERMICINO"
LICHERI, EROE MANCATO, VIVE CIECO E SENZA UNA GAMBA