“ASIA RELAX” E MASSAGGI TROPPO FELICI
LE MOGLI TRADITE CHIAMANO I CARABINIERI!

“ASIA RELAX” E MASSAGGI TROPPO FELICI LE MOGLI TRADITE CHIAMANO I CARABINIERI!

 4,355 total views,  5 views today

Militari costretti all’intervento dalle ripetute segnalazioni su un centro massaggi cinese

 

“ASIA RELAX” E MASSAGGI TROPPO FELICI
LE MOGLI TRADITE CHIAMANO I CARABINIERI!

 

Marcelli, locale di proprietà di una 51enne osimana. Sequestrato l’incasso di 2.000 euro

I massaggi prevedevano quasi sempre un finale troppo… lieto e a questo in Italia – nonostante Lorenzo che 500 anni fa teorizzasse e praticasse il motto “chi vuol essere lieto sia… del doman non v’è certezza” – non si può aspirare. Figuriamoci fare!

Costretti nel 2017 a ragionare e comportarci come la Merlin insegnava agli italiani 60 anni fa, a farne ultimamente le spese sono sempre più spesso le malcapitate “imprenditrici” cinesi, ree di darsi troppo da fare, senza nascondersi troppo.

A comprendere meglio il vigente concetto italiano di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, da ieri c’è anche una 51enne cinese, sposata, già pregiudicata e residente a Porto Sant’Elpidio, titolare a Marcelli del centro estetico “Asia relax”.

Le numerose e insistenti telefonate ai carabinieri fatte, negli ultimi mesi – da dicembre fino a ieri – da più mogli del circondario, hanno alla fine persuaso i militari a mettere fine all’innocua attività.

Col solito sistema di fingersi cliente, ieri sera un militare in borghese è entrato all’Asia relax per sottoporsi al massaggio preferito; giunto al dunque, quando la ragazza, in questo caso una 42enne cinese residente sulla carta ad Oristano, si è fatta intendere se intendesse proseguire con una versione più… approfondita del massaggio, al povero militare in servizio è toccato gioco forza mostrarsi in realtà e qualificarsi come carabiniere, purtroppo in servizio.

Fine della giostra e denuncia per la datrice di lavoro, rea di favorire e sfruttare la prostituzione della 42enne connazionale; sequestrato l’incasso di una giornata di lavoro, ovvero 2.000 euro, quattro carte di credito, due telefoni cellulari per combinare il massaggio, nonchè altro materiale atto agli incontri sessuali.

Infine l’intero spazio dell’Asia relax, di proprietà di una ignara signora osimana di 51 anni, è stato sottoposto a sequestro e posti sigilli.

VAGABONDO POLACCO INVESTITO DA PIRATA
L’AUTOMOBILISTA SI E’ DATO ALLA FUGA
PNEUMOLOGIA E LA POLITICA
DELLE PACCHE SULLE SPALLE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *