ASTEA PUNTUALIZZA: “LA DEPURAZIONE ORA È UN SERVIZIO EROGATO”

ASTEA PUNTUALIZZA: “LA DEPURAZIONE ORA È UN SERVIZIO EROGATO”

 968 total views,  1 views today

ASTEA PUNTUALIZZA: “LA DEPURAZIONE ORA È UN SERVIZIO EROGATO”

Sulla vicenda sollevata ieri dalla Consigliera comunale Maria Grazia Mariani, in ordine alla messa all’incasso, da parte di Astea, in due rate, di somme sostenute per depurazione e rete fognaria, interviene l’ufficio stampa dell’azienda di Via Guazzatore con la seguente nota.

“La sentenza della Corte Costituzionale 335/2008 – spiega Astea – aveva dichiarato l’incostituzionalità dell’articolo 155 comma 1 del Decreto legge 152/2006, sancendo che i canoni di depurazione inseriti nelle bollette dell’acqua dovessero essere pagati solo come corrispettivo dell’effettiva esistenza del servizio di depurazione.

Il decreto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio del 30 settembre 2009, ha determinato poi i criteri e le modalità per la quantificazione dei rimborsi e la successiva restituzione agli utenti, che Astea sulla base delle direttive dell’Ato 3, ha provveduto ed effettuare in cinque anni, dal 2010 al 2014.

Alla Consigliera comunale Maria Grazia Mariani, che ci accusa di beffare gli utenti dando soldi con una mano e toglierli poi con l’altra, va precisato che la norma prevede che nei casi di progettazione e completamento delle opere necessarie all’attivazione del servizio di depurazione, gli utenti interessati all’investimento, ovvero i cui reflui vengono collettati a depurazione, devono corrispondere la componente di depurazione in bolletta. La normativa è nazionale, recepita dall’Ato 3 e dunque da Astea. Non è una scelta discrezionale dell’azienda.

In sostanza prima sono stati rimborsati gli utenti in quanto il canone di depurazione non era dovuto per mancanza del servizio e poi, a seguito della realizzazione dell’investimento, gli stessi utenti sono stati chiamati a pagare in bolletta ciò che viene definito “componente vincolata di tariffa” – conclude il comunicato Astea – in quanto fruitori del servizio predisposto per la depurazione”.

IL CIRCOLO TENNIS SI SCUSA E PASSA ALL’ATTACCO “CONTRO DI NOI UNA PESANTE CAMPAGNA DENIGRATORIA”
SOSTA BLU CON MEZZ’ORA IN REGALO...
MAXI OMISSIONE DI ATTI D’UFFICIO?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *