“CARABINIERI? CORRETE SUBITO…
STAVOLTA MIO FIGLIO
UCCIDERÀ ME E MIA FIGLIA!”

“CARABINIERI? CORRETE SUBITO… STAVOLTA MIO FIGLIO UCCIDERÀ ME E MIA FIGLIA!”

 1,516 total views,  9 views today

Una madre disperata mette fine a nove mesi di vessazioni fisiche e morali del figlio

 

“CARABINIERI? CORRETE SUBITO…
STAVOLTA MIO FIGLIO
UCCIDERÀ ME E MIA FIGLIA!”

 

C.C., 27 anni, originario di Frosinone, arrestato a Castelfidardo per lesioni aggravate

La richiesta disperata giunta al 112 da una madre in grande difficoltà, lasciava poco spazio alla fantasia. Un figlio impazzito dalla droga e da una vita spesa inutilmente a creare problemi agli altri, stava malmenando… più del solito la madre e la sorella, tanto da indurre la donna a vincere la vergogna e chiedere aiuto per farsi difendere dalla furia di quel figlio ingrato.

E’ successo nella serata di martedì a Castelfidardo, in pieno centro storico, a conclusione di un provvidenziale intervento dei Carabinieri.

I mjlitari sono giunti a casa giusto in tempo per sottrarre alla furia cieca di C.C., 27 anni, nato a Frosinone ma residente nella cittadina della Fisarmonica con la madre e una sorella minore, nel bel mezzo dell’ennesimo sopruso fisico a cui il ragazzo aveva da tempo abituato le donne di casa.

I Carabinieri hanno fatto irruzione in casa proprio nel momento C.C. si apprestava a colpire con schiaffi e pugni la mamma (50 anni, operaia, separata da tempo dal marito) e anche la sorella minore, convivente in famiglia, 23 anni, commessa in un negozio.

L’energumeno, esattamente queste le parole utilizzate dai militari, aveva già pestato le familiari per i soliti motivi di soldi e per il solito utilizzo di questi: acquistare droga.

Al no della madre, C.C. ha iniziato dapprima ad inveire per poi far facile leva sul fisico; difesa inutilmente dalla sorella minore, stavolta le due donne non se la sarebbero cavata con qualche occhio nero e i soliti dolori su tutto il corpo.

Da qui l’intenzione delle poverette di mettere tutto in piazza pur di porre un taglio, probabilmente tardivo, ad una situazione non più sostenibile e ormai sul punto di mettere a rischio la stessa vita.

IL figlio impazzito, con il cervello letteralmente accecato dalla droga, ha pensato bene di continuare a minacciare madre e sorella anche una volta giunti in casa i Carabinieri.

L’arresto del 27enne a Castelfidardo

Nell’inutile tentativo di sottrarsi all’arresto, C.C, non potendo più colpire con le mani, ha lanciato pesanti invettive con la bocca… fintanto non è stato messo a tacere e portato in caserma con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate. Capi di imputazione per cui in Italia, purtroppo, il carcere difficilmente riescono a fartelo vedere.

Se non fosse che stavolta, al ritorno dal pronto soccorso di Osimo, dove invece madre e figlia erano state portate per curare e valutare l’entità dei danni fisici patiti, le vittime hanno svuotato il sacco e fatto luce su nove mesi di aggressioni familiari, gli ultimi da ottobre dell’anno scorso ad oggi, di vero inferno.

L’auspicio è che ora, per le due donne, possa andar meglio. Concordato con il sostituto procuratore Paci l’arresto e la traduzione a Montacuto del 27enne frusinate, non vorremmo che questa storia, una volta esaurita la fase processuale ed espiata la condanna, consenta a C.C. di tornare a vivere con le proprie vittime!

Storie del genere, in Italia, la Legge e i giudici ne hanno già scritte abbastanza dal non sentire il bisogno di nuovi bis.

Occorre, più della condanna stessa a C.C. che pure pare ineccepibile, tutelare il futuro di due persone…

Se non fosse chiaro serve ribellarsi all’idea che vuole madre e figlia “ree” di aver fatto il proprio dovere e quindi abbandonate dallo Stato al proprio destino quali nuove vittime designate.


© RIPRODUZIONE ASSOLUTAMENTE LIBERA
OSIMO OGGI invita le testate giornalistiche e i privati cittadini che dovessero ritenere la notizia di pubblico interesse a diffondere il testo ANCHE SENZA CITARNE LA FONTE.

 


SOSTIENI OSIMO OGGI E ANCHE DOMANI
Sostieni la stampa cittadina con un contributo, piccolo o grande, a piacere.
Godere di una voce in più locale pronta a raccontarti, ogni giorno, la città costituisce un “tesoro” di informazione da difendere soprattutto con il contributo di ciascun osimano.
Grazie per aver pensato anche a OSIMO OGGI.





PNEUMOLOGIA E LA POLITICA
DELLE PACCHE SULLE SPALLE
CINQUE 16ENNI RUBANO UN SUV
PER NOIA E SENTIRSI BRAVI!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *