C’ERA UNA VOLTA LA VECCHIA OSIMO, ROCCAFORTE BIANCOFIORE
OGGI (CIOE’ NEL ‘18) 2 OSIMANI SU 3 COL GOVERNO GIALLO-ROSSO

C’ERA UNA VOLTA LA VECCHIA OSIMO, ROCCAFORTE BIANCOFIORE OGGI (CIOE’ NEL ‘18) 2 OSIMANI SU 3 COL GOVERNO GIALLO-ROSSO

 4,956 total views,  2 views today

In vista delle Regionali del 12 e 13 settembre facciamo le carte ad una città mai così politicamente irrequieta. Al Governo con i giallo-rossi, Europee col Centro-Destra e da due ballottaggi X fisso alle Comunali!


A chi piace questo governo giallo-rosso inventato a sorpresa da Mattarella? Difficile trovare in giro assertori del si, convinti in buona fede di aver contribuito a far nascere, col proprio voto inconsapevole del 2018, il migliore dei Governi meno peggio possibili.

Eppure non dovrebbe essere impossibile trovare, anche girando per Osimo, cittadini votanti per l’ammucchiata tra vecchia e nuova Sinistra. E si perchè, guardando i numeri di maggio 2018, gli osimani che hanno messo la propria croce su quello che nessun poteva immaginare sarebbe stato un Conte uno e poi un Conte bis, non sono poi così pochi, anzi…

Ben 13.272 su 20.634 votanti utili. A cui volendo aggiungere, per omogenia, i 235 concittadini con simpatie per “Potere al popolo” e i 126 che del partito Comunista proprio non riescono a fare a meno… arriviamo al ragguardevole parziale di 13.633 voti utili, pari al 66.07%!



Altro che Osimo città storicamente di Centro-Destra! I partiti coalizzati sul non ancora asse Salviniano misero insieme appena 6.402 consensi a cui, anche volendo sommare i 599 voti complementari di area, fissa pur sempre l’asticella a quota 7.001 pari al residuo 33.93%.

Due osimani su tre, dunque, pur senza saperlo, si specchiano nell’attuale maggioranza chiamata a pilotare l’Italia fuori dalla più grave emergenza economica, dal dopo Guerra ad oggi.

Considerato che dal ricordo del voto passato ci separano giusto due anni, mentre uno solo ne è trascorso dall’insediamento del Conte bis, gli Osimani dovrebbero poter sorridere al futuro visto che, bene o male, la stragrande maggioranza dei due terzi della città è molto ben rappresentata. A Roma come ad Osimo.

Trasportata su base locale, all’elezione dell’anno dopo 2019 per il Comune, si evince con ancor più chiarezza che i 7.000 voti messi insieme da Latini – nonostante la concorrenza della Lega con 1.971 consensi pattumiera – hanno costituito un autentico exploit.

Non ci vuole troppo per accorgersi che i 7.001 consensi del 2018 all’intera area di Centro-Destra, si sono trasformati nei 7.000 tondi tondi conquistati dalle Civiche al primo turno.

7.000 voti che, aggiungendo i 1.971 volutamente non utilizzati dalla Lega – chi per ripicca personale, chi per mania di grandezza – avrebbe fatto lievitare il consenso trasversale sui Civici a quota 8.971, a prova di ballottaggio.

Analogia per analogia come non confrontare, oltretutto maturato in cabina nello stesso momento, quanto ancora successo tra Comunali ed Europee?



Alle Europee 2019 l’accoppiata Pd e 5 Stelle mise insieme 8.048 voti validi, giusto quanto ottenuto alle Comunali con 7.913. Una coalizione, nei fatti, molto meno a sorpresa rispetto a quella suggerita da Renzi e messa insieme dal Capo di Stato.

Eppure… eppure il Collegio alla Camera di Osimo fu l’unico a non andare ai grillini eleggendo il leghista Patassini; eppure il voto compatto al Centro-Destra alle successive Europee sfiorò il 50%, esattamente 48.80%.

Che città è dunque oggi Osimo? Due anni fa inaspettatamente di governo, in Europa schierata col Centro-Destra e ferma sul pareggio fisso alle Comunali da ben due ballottaggi consecutivi!

Ce lo dirà, si spera, il prossimo week-end di metà settembre – con ogni probabilità il 12 e 13 settembre – quando i marchigiani saranno chiamati – alle Regionali – a voltar pagina dopo mezzo secolo continuato di Centro-Sinistra. Sarà la volta buona?


POTEVA MORIRE DAVVERO, SENZA IMMAGINARE PERCHÉ!
LE CESOIE DA GIARDINAGGIO IN PETTO? PURA FATALITÀ
ECCO I GIUDICI CHE HANNO SCARCERATO ZAGARIA!
RIMPALLO DI RESPONSABILITÀ TRA BASENTINI E DE VITO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *