L’urbinate Ceriscioli annuncia 30 posti letto in più
IN ARRIVO MEDICI E MACCHINARI
DESTINAZIONE OSPEDALE URBINO
Nel Montefeltro “impazzano” spese e assunzioni. E Osimo?

L’urbinate Ceriscioli annuncia 30 posti letto in più IN ARRIVO MEDICI E MACCHINARI DESTINAZIONE OSPEDALE URBINO Nel Montefeltro “impazzano” spese e assunzioni. E Osimo?

 1,286 total views,  2 views today

“All’ospedale di Urbino abbiamo previsto una trentina di posti in più che si attiveranno una volta completati i lavori sulla struttura”. Firmato Luca Ceriscioli.

Nel giorno in cui Osimo registra la lettera d’amore a Jesi dei nuovi cortigiani di Peneumologia, a pochi mesi dalla dolorosa cancellazione del reparto di Ginecologia e con la struttura di Gastroenterologia sempre più stretta d’assedio dalla Regione nel proprio fortino del SS. Benvenuto e Rocco (l’ineffabile Governatore brinderebbe per trasferire a Senigallia il personale medico osimano), la città registra di riflesso i peana di gioia di via Gentile da Fabriano.

“Ad Urbino – continua Ceriscioli alla stampa urbinate – abbiamo previsto 30 posti letto in più di Medicina d’urgenza e di Geriatria. Per attivarli attendiamo che siano completati i lavori i lavori sulla struttura ed espletate – udite udite – le assunzioni necessarie per le quali abbiamo già stanziato le risorse”.

Ma le buone notizie, per Urbino, non finiscono qui. Sempre con più faccia tosta Ceriscioli prosegue: “Risulta essere già stato bandito il concorso per 7 (Ceriscioli conferma 7) nuovi medici a presidio del Pronto soccorso urbinate. Sono pervenute 14 domande ma al concorso si sono presentati solo 2 candidati! Può sembrare un paradosso ma è così. Anche in questo caso – riudite riudite – la Regione Marche ha stanziato le risorse per assumere i 7 medici ma non sono arrivate le candidature…”.

Eh si ad Urbino sono decisamente poco fortunati se, come prosegue Ceriscioli, anche i concorsi per nominare i primari vacanti di altri reparti ospedalieri sono andati a vuoto. L’esatto contrario di quanto avviene ad Osimo dove i medici parteciperebbero anche volentieri ai bandi ma dove non si registrano concorsi da tempi biblici…

“In ogni caso -si dice fiducioso Ceriscioli – contiamo che entro il 2017 i percorsi di assunzione di Urbino vengano regolarmente completati.

Dulcis in fundo una piccola-grande pioggia di euro anche per l’acquisto di macchinari. Una promessa, ne siamo certi, che avrà molte più chances di concretizzarsi rispetto ad una qualsiasi fatta a Pugnaloni sul SS. Benvenuto e Rocco.
(Guarda il video tratto da cronacheancona.it)

Il Direttore dell’area vasta 1 di Urbino Giovanni Fiorenzuolo ha sottolineato come nel corso dell’anno all’interno dell’ospedale ducale verranno investiti oltre 850.000 euro per l’acquisto di un tomografo computerizzato a 64 strati, un ecotomografo, un laser per la fotocoagulazione retinica, un microscopio operatorio e per dei nuovi letti di terapia intensiva.

“Purtroppo – spiega Fiorenzuolo – a Urbino si fa fatica a trovare professionisti da assumere… tanto che per gestire l’attuale fase di mancanza di medici disponibili abbiamo attivato uno speciale bando per assunzioni co.co.co. a cui partecipanti non verrà richiesta la specializzazione in medicina d’emergenza…”.

Insomma c’è quasi da non credere o chiedersi in che mondo magico viva Urbino per avere problemi legati alla sanità opposti rispetto alla media regionale. Tanto più l’interrogativo torna prepotente valutando le ultime cifre snocciolate dal manager feltresco. “Complessivamente, nel corso del 2016 – spiega Fiorenzuolo – le assunzioni nell’area vasta 1 (comprendente, oltre Urbino, gli ospedali di Pergola, Cagli, Sassocorvaro e Fossombrone, NdR) le assunzioni di personale sono state 186 mentre i contratti scaduti e prorogati sono stati 112”.

Sminuiamo la tensione proponendo un facile quiz. Domanda semplice, non sanitaria, alla portata di quasi tutti i lettori non votanti PD.

Prima di essere eletto alla guida della Regione, il Governatore professor Ceriscioli in quale istituto IPSIA insegnava?

A) VATTOLAPESCA
B) OSIMO
C) URBINO

P.S. Non vale la risposta consultando Wikipedia.

Mariani: “La maggioranza può ormai contare solo su 11 voti”
“PUGNALONI E COMPAGNI
NON HANNO PIU’ I NUMERI
PER GOVERNARE OSIMO!”
Dalla base della Sinistra estrema la richiesta del sacrificio personale
LE DIMISSIONI DI PASQUINELLI E CATENA
SALVEREBBERO PARTITO E PUGNALONI
Le alternative restano la sfiducia a Bernardini o il passaggio all’opposizione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *