“DUE ANNI E MEZZO DI FALSE PROMESSE
ORA BASTA, RIMETTIAMO IL MANDATO”

“DUE ANNI E MEZZO DI FALSE PROMESSE ORA BASTA, RIMETTIAMO IL MANDATO”

 1,747 total views,  1 views today

 


SOSTIENI OSIMO OGGI E ANCHE DOMANI
Sostieni la stampa cittadina con un contributo, piccolo o grande, a piacere.
Godere di una voce in più locale pronta a raccontarti, ogni giorno, la città costituisce un “tesoro” di informazione da difendere soprattutto con il contributo di ciascun osimano.
Grazie per aver pensato anche a OSIMO OGGI.


Il coordinatore di Protezione civile e il suo vice abbandonano l’incarico

 

“DUE ANNI E MEZZO DI FALSE PROMESSE
ORA BASTA, RIMETTIAMO IL MANDATO”

 

Continua il fuggi-fuggi dalle poltrone, piccole e grandi, dispensate da Pugnaloni

 

In polemica con l’Amministrazione comunale e segnatamente con il Sindaco Pugnaloni dispensatore di “false promesse”, hanno rassegnato le proprie dimissioni dall’incarico di Protezione civile sia il coordinatore comunale Fortunato Maurizio Savino che il proprio vice Massimiliano Carloni.

Nella foto d’archivio, con la divisa gialla i due coordinatori della Protezione civile dimissionari a Osimo

Il comunicato stampa di poche righe non entra nei particolari che hanno condotto i due esponenti a restituire la delega ufficializzando la rinuncia all’incarico.
Si parla in via succinta di Amministratori comunali che non hanno a cuore le sorti della struttura e degli uomini che ci lavorano dedicando il proprio tempo al servizio degli altri.
“Dopo due anni e mezzo di promesse rivelatesi false – commentano amaramente Savino e Carloni – questo di oggi è purtroppo il finale più giusto. Rivolgiamo un grazie a tutti coloro con i quali abbiamo avuto l’opportunità di condividere momenti al servizio di persone sfortunate. Siamo stati davvero una gran bella famiglia… Grazie ancora”.
In serata il gialla è apparso dai contorni più chiari. In pratica i due volontari di Protezione civile lamentano di aver richiesto, circa 17.000 volte in due anni e mezzo, macchinari, indumenti e attrezzature per il compito che dovrebbero adempiere… avendo ricevuto per risposta… domani, dopo domani… forse la settimana prossima. Ma in realtà il nulla più assoluto.
Per Pugnaloni, tra i tanti che oggi giorno abbandonano incarichi pubblici a cui sono stati chiamati, volontarì o remunerati, un problema in più da risolvere.





AUMENTANO I NAVIGATORI IN RETE
SI MOLTIPLICANO LE TRUFFE
OSIMO, TROMBATO ANCHE IL CAPOGRUPPO CAMPANARI
I PIDDINI SI CONFERMANO SENZA SANTI IN PARADISO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *