FAZZINO VS METONYEKPON PER IL PRIMO ASSALTO AL TITOLO
CHARLY DIFENDE LA CINTURA SUPERLEGGERI DAL FIGHTER ROMANO

FAZZINO VS METONYEKPON PER IL PRIMO ASSALTO AL TITOLO CHARLY DIFENDE LA CINTURA SUPERLEGGERI DAL FIGHTER ROMANO

 54,285 total views,  4 views today

Per l’osimano appuntamento l’8 luglio, sul ring allestito nello stadio Romulea, ai Parioli. Nel frattempo la Boxing club Castelfidardo insignita dal Sindaco Ascani, in occasione di San Vittore, della medaglia di civica benemerenza


Già tempo di difendere il titolo! Dopo l’epico successo del 26 marzo contro il campione italiano Superleggeri KABA, per Charly ecco all’orizzonte la prima difesa ufficiale: ad incrociare i guantoni, venerdì 8 luglio, sarà lo sfidante Jacopo FAZZINO, 28 anni, romano de Roma.
Il fighter di Casalbruciato, professionista dal 2019, giunge al confronto con METONYEKPON grazie ad un palmares di tanti successi e altrettante sconfitte, una delle quali subita proprio dal pugile osimano, il 19 dicembre 2020, sul ring di Ancona.
Stavolta la sfida dovrebbe essere più equilibrata, non foss’altro per i quasi due anni di crescita intercorsi che hanno permesso a FAZZINO di scavalcare l’agguerrita concorrenza e porsi come primo pretendente alla Cintura tricolore.

Da dx il campione italiano Charly Metonyekpon, i maestri Andrea Gabbanelli e Daniele Marra

Inoltre anche il gran pubblico atteso per l’evento – il ring verrà allestito al centro dello stadio della Romulea, quartiere Parioli – dovrebbe regalare alla sfida una cornice all’altezza, appassionata e degna di nota.
Insomma difesa del titolo già impegnativa sin dalla prima uscita per Charly, comunque consapevole dei propri mezzi e fiducioso di avere appena imboccato il tratto di carriera di maggior valorizzazione.
A proposito di valore, è di queste ore la solenne cerimonia della consegna delle civiche benemerenze – avvenuta venerdì a Castelfidardo, in occasione della festività patronale di san Vittore – andate tra gli altri alla locale boxing club, società creatrice del miracolo sportivo METONYEKPON.
Nella prestigiosa sala degli Stemmi, la società dilettantistica “Boxing Club” è così stata insignita dall’Amministrazione comunale fidardense con la benemerenza della Medaglia di Castelfidardo.
Si legge nella motivazione: “Scuola di sport e di vita, insegna non solo la tecnica ma anche la disciplina, il sacrificio, il rispetto delle regole e dell’avversario. Punto di riferimento sia per i giovani, sia per chi ambisce ad una carriera professionistica, ha raggiunto risultati di assoluto prestigio, portando l’immagine di Castelfidardo ai vertici italiani”.

Per la società pugilistica hanno ritirato la prestigiosa onorificenza Andrea GABBANELLI e Daniele MARRA, maestri di pugilato e preparatori del campione italiano in carica, pesi Superleggeri, Charly Metonyekpon, pure presente alla cerimonia.
Il Sindaco Roberto ASCANI, nel corso della consegna dell’attestato, ha nuovamente ringraziato pubblicamente la società Boxing club per la notevole attività sociale svolta da anni per mezzo dei suoi allenatori, nonchè per i valori propri dell’educazione ai valori etici e – non ultimo – la preparazione fisica di un centinaio di ragazzi.
Al termine della cerimonia il Maestro Andrea GABBANELLI, nel ringraziare ASCANI, la Giunta e il Consiglio comunale di Castelfidardo, ha sottolineato come la società fidardense, oltre ai risultati sportivi, punti da sempre a distinguersi anche per i successi etici insegnati.

“Nella nostra palestra si scopre tutti i giorni una scuola di vita; uno spazio dove i ragazzi possono trovare la loro strada e la loro serenità nel rispetto di quelle regole da applicarsi, in seguito, soprattutto nella vita quotidiana. Questo è uno sport da combattimento e ovviamente si vince facendo a pugni… ma questa disciplina insegna anche e soprattutto il rispetto dell’avversario, il sacrificio personale e a considerare i compagni di allenamento come propri fratelli”.

Massimo Pietroselli



UN COLPO IN FRONTE, SUICIDA CON LA BERETTA DI SERVIZIO
UNO DEGLI AGENTI "VITTIME" DEL PREMIFICIO DI PUGNALONI
BOTTINO AL SICURO, TORNA IN ITALIA PER FARSI ARRESTARE
AI DOMICILIARI SPACCIATORE ALBANESE DI COCAINA A CHILI