FRATELLI DI ITALIA QUINTUPLICA E SFONDA 7 MILIONI DI VOTI
COL 50.20% DEI CONSENSI IL DESTRA-CENTRO È MAGGIORANZA!

FRATELLI DI ITALIA QUINTUPLICA E SFONDA 7 MILIONI DI VOTI COL 50.20% DEI CONSENSI IL DESTRA-CENTRO È MAGGIORANZA!

 18,125 total views,  2 views today

Questa la fotografia settimanale, di venerdì 11 febbraio, scattata dai sondaggi della Dire-Tcnè. Inesorabile il calo di Lega e 5 Stelle, sotto il 30% complessivo e in tandem verso un grosso ridimensionamento. Bene il Partito Democratico, tiene Forza Italia



Riconquistata la maggioranza assoluta. Più il Centro-Destra politico affonda nella crisi e nelle mille contraddizioni post MATTARELLA, più il Paese reale si dimostra orientato a scegliere di tornare al 2006 e farsi governare dai ex alleati di Destra-Centro.
Secondo lo studio Dire-Tecnè che da anni, settimanalmente, rileva il trend degli Italiani con il cosiddetto “Sondaggio del venerdì” (riservato ad un campione di 1.000 persone rappresentative della volontà dell’intero corpo elettorale), emerge come Giorgia MELONI guidi incontrastata una coalizione giunta venerdì 11 febbraio al 50.20% del gradimento.
Staccatissimo il Centro-Sinistra (relegato ad un ininfluente 31.10%) che poco o nulla conterebbe anche con l’apporto di Sinistra italiana (2.50% per un totale eventuale del 33.60%) e del tutto fuori gioco i 5 Stelle superstiti scesi teoricamente al nuovo record negativo del 12.30%. Infine 3.40% la somma dei voti dispersi destinati ai super micro partiti senza rappresentanza.
Trasportando in numeri le intenzioni di voto sondate da Dire-Tecnè, da sottolineare il balzo di Fratelli d’Italia (da meno di un milione e mezzo di voti reali ad oltre 7 milioni di consensi promessi, primo partito di Italia); voti pagati, quasi tutti, dalla emorragia dei 5 Stelle, scesi da quasi 11 milioni a circa 4 milioni e 200 mila adesioni, mentre la crescia del Partito Democratico (un milione di voti) pare interamente pagata dal calo di Forza Italia, meno 1 milione 300.000 promesse. Stabili, nel Centro-Sinistra, le posizioni di Verdi (2.40%) e Italia Viva (2.50%).

Dopo 12 anni, Giorgia MELONI guida l’Italia verso un 2023 di riscossa per il Paese

LA CREMERIA NON CI STA: "NON VOGLIAMO ESSERE ETICHETTATI"
"BEN VENGANO CONTROLLI, MA SIAMO GELATAI NON POLIZIOTTI"
GIOVANNI BETTO GIURA: "NON SONO IO IL KILLER DEI CANI"
L'85ENNE DI BRECCE BIANCHE TEME UNO SCAMBIO DI PERSONA