PUGNALONI LANCIA IL PDT
E OFFRE 400.000 EURO!
LA POLTRONA IN BALLOTTAGGIO
TRA DUE TRADITORI

PUGNALONI LANCIA IL PDT E OFFRE 400.000 EURO! LA POLTRONA IN BALLOTTAGGIO TRA DUE TRADITORI

 2,348 total views,  1 views today

AL POSTO DI ANGELONI O GALLINA COSA FARESTE?

View Results

Loading ... Loading ...

Il partito dei Traditori, creato e sostenuto dal Pd, apre allo shopping tra i civici.

 

PUGNALONI LANCIA IL PDT
E OFFRE 400.000 EURO!
LA POLTRONA IN BALLOTTAGGIO
TRA DUE TRADITORI

 

Ennesima presidenza in palio, data dalla fusione a breve tra Astea servizi e Osimo servizi

Alessio Angeloni, Coordinatore amministrativo Osimo servizi

In vista delle Comunali nasce il PDT! Come ampiamente annunciato sei mesi fa (vedi articolo del 22 aprile) il lavorio sotto traccia del PD sta per produrre i primi effetti pratici con l’aggiunta di una T e la nascita del PDT, acronimo di fantasia, ma mica tanto, di “partito dei traditori”.

Detto che l’operazione “convincimento” alla desistenza di Pugnaloni appare, come facilmente ipotizzabile, di non semplice soluzione, anche mettendo sul piatto della bilancia la conferma del posto di lavoro privato in banca – la Banca Marche targata Ubi – altrimenti a rischio; sembra ormai pacifico che il PD spenderà gran parte della campagna elettorale giocando su almeno due tavoli: il primo, ob torto collo, prevede la ricandidatura a Sindaco di Pugnaloni mentre, contemporaneamente si porteranno avanti trattative uguali e contrarie con altro candidato desiderato, di cui racconteremo domani.

Per non addentrarci in discorsi troppo complicati da seguire, oggi facciamo dunque il punto sulla sola prima evenienza, quella che prevede la conferma a correre per il secondo mandato del Sindaco attuale.

Ciò che non cambierà, sia se toccherà a Pugnaloni rappresentare nuovamente il PD o se invece si arriverà ad altro possibile aspirante Sindaco, è la notizia di giornata che vede l’arruolamento ufficiale del PDT, in forma attiva, nello schieramento anti Latini.

O direttamente in lista con il partito Democratico o inventandosi un listino di area socialista o anche mescolando i traditori un pò qua e un pò la; ciò che appare confermato è che il PDT sta ingrossando la lista ed ha ormai acceso i motori.

Tra i nuovi arrivati in casa “piddittina” nientemeno che tal Alessio Angeloni, cognato di Pugnaloni (e questa non è colpa), storico primo impiegato della nascente Parko (e questo chissà non fosse un merito), attualmente in ballottaggio per la Presidenza dell’ennesima nuova società che a gennaio 2018 nascerà dalle ceneri della fusione Astea Servizi e Osimo Servizi: in palio, per il fortunato vincitore che non dovrà acquistare alcun biglietto ma solo fare professione di amore eterno al PD e a Pugnaloni, un budget mensile netto, premi e obiettivi compresi, attorno ai 5.000 euro.

Peccato che Angeloni, prima di diventare cognato del Sindaco, sia risultato per anni tra i portaborse più fedeli a Latini al punto di ricoprire per anni la carica di segretario amministrativo delle liste civiche!

L’ingresso come impiegato primo assunto in una Parko ancora vergine, dove nel frattempo ha fatto carriera fino ad arrivare alla soglia di coordinatore amministrativo dell’attuale Osimo Servizi, ne è prova compensatoria sin troppo abbondante.

Il Cavaliere Mirco Gallina Direttore tecnico Astea servizi

Sta di fatto che ora Pugnaloni, un pò come ha fatto Natalucci con il cognato Catena (probabilmente questo è il periodo dei cognati), dovrà decidere se dar retta alle ragioni del cuore e far prevalere un pò di sano familismo rispetto alle ragioni ormai consunte del merito… o se invece intraprendere un’altra campagna acquisti valevole 249 voti, quelli messi a referto dal neo Cavalier Mirko Gallina con Su la Testa nel 2014, offrendo in contropartita un interessante aumento di stipendio pari a 20 euro mensili a voto (20 euro x 249 voti arrotondati per eccesso).

Da quanto ci risulta Gallina, alla pari di Angeloni primo assunto storico nella vergine Geos, poi Maver e attualmente Osimo servizi con l’incarico di Direttore tecnico, sta attentamente valutando il da farsi rovesciando il classico interrogativo darwiniano: meglio l’uovo anche domani e dopo domani (ovvero il mantenimento del posto come Direttore tecnico, quindi come dipendente, anche nel caso molto probabile di vittoria di Su la Testa alle elezioni) o invece mangiarsi la… gallina oggi – e per tutto il 2018 e il primo semestre 2019 – ben sapendo, accettando il ruolo dirigenziale della nuova società, di assumere il rischio gravoso – con Latini Sindaco – di passare da un ricco stipendio di 5.000 euro all’imbarazzante situazione di disoccupato, ancorchè di lusso?

Tradotto in termini politici: nel primo caso Gallina, non accettando la ricca offerta, si chiamerebbe fuori dal PDT e guarderebbe alla campagna elettorale da semplice e disinteressato spettatore; nell’altro caso la chiamata alle armi nel PDT sarebbe effettiva e suonerebbe a Su la Testa come un’ora segnata dal destino, una sorta di Rubicone dalle decisioni irrevocabili, insomma una autentica dichiarazione di guerra.

Tenendo conto che il rischio epurazione con il ritorno di Latini appare decisamente scontato – la parola d’ordine 2019 in seno a Su la Testa è “niente prigionieri” –  e che la possibilità concreta di trovarsi a breve in mezzo ad una strada vale, tale e quale a Gallina anche per Angeloni, non sappiamo onestamente immaginare quale piega potranno imboccare gli eventi.

Al momento il maggior indiziato, tra Angeloni e Gallina, appare indubbiamente quest’ultimo in quanto maggiormente in grado di spostare dalla propria parte qualcuno delle 249 preferenze totalizzate per Su la Testa. Angeloni, da questo punto di vista, non ha partecipato alle elezioni e certamente è accreditato di doti inferiori in quanto a capacità di attirare voti.

Sul conto di Gallina, poi, pende anche la riconoscenza morale verso il PD per il recente titolo di Cavaliere, piovuto a ciel sereno, letteralmente tra capo e collo, del Direttore tecnico di Astea Servizi, oltrettutto per un merito, quello al Lavoro, un pochettino fuori tema visto il curriculum del buon Mirko.

Dunque? Pugnaloni farà il possibile per iscrivere Gallina al PDT, cercando di essere convincente più possibile sottolineando più volte di trovarsi sulla stessa barca e di non dar retta ad OSIMO OGGI… Pugnaloni sarà Sindaco anche nel 2019 e fino al 2024!

Con l’aggiunta di 60.000 euro l’anno netti per i prossimi sei anni e oltre, totale circa 400.000 euro, che notoriamente non hanno mai fatto schifo a nessuno.

FONT D’ART,
QUIETE NOTTURNA AFFIDATA AL BUON DIO!
ALTRA NOTTE INSONNE
PER CENTINAIA DI OSIMANI
RICONOSCI IL DIRETTORE!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *