PUGNALONI ANNUNCIA:
“MATTEO RENZI AD OSIMO STAZIONE!”
PAOLO MENGONI: “ERA MEJO LILLO E GREG…”

PUGNALONI ANNUNCIA: “MATTEO RENZI AD OSIMO STAZIONE!” PAOLO MENGONI: “ERA MEJO LILLO E GREG…”

 1,833 total views,  1 views today

PUGNALONI ANNUNCIA:
“MATTEO RENZI AD OSIMO STAZIONE!”
PAOLO MENGONI:
“ERA MEJO LILLO E GREG…”

200 commenti, 95% negativi, sulla pagina FB del Sindaco. Il segretario DEM il 18 ottobre

La notizia, postata martedì pomeriggio dal Sindaco Pugnaloni sulla propria pagina Facebook della tappa osimana del segretario DEM Matteo Renzi ad Osimo Stazione (mercoledì prossimo in orario non ancora reso noto) ha scatenato il popolo della rete in commenti di ogni tipo, al 95% negativi sul conto del menestrello toscano.
In 24 ore di circolazione il post di Pugnaloni ha messo insieme circa 200 commenti, 190 dei quali negativi o altamente critici nei confronti del leader del Centro-Sinistra.
Un dato, quello di Facebook, certamente non indicativo dell’umore degli osimani tutti ma comunque pesante quanto basta per inserire Osimo tra le piazze “molto difficili” per le ricette piddine.
Siano in salsa locale pugnaloniana che – viste le pieghe prese dagli eventi sul pronto soccorso e la querelle ospedaliera per intero – anche in cottura regionale e – è altamente probabile – poco gradite dagli elettori osimani anche se cucinate da chef di fama nazionale.
Tornando alla sosta cittadina di Renzi, ciò che è dato sapere, al momento, è che lo stop alla Stazione di Osimo è previsto in apertura o chiusura di una giornata che vedrà Renzi impegnato in tour ad Arquata del Tronto e a Recanati. Per quanto riguarda Osimo possibile anche una rapida visita alla Lega del Filo d’Oro dove, il 1° dicembre, per il taglio del nastro della nuova sede nazionale, è previsto l’arrivo di un altro “problema della politica nazionale”, ovvero il Presidente della Camera Laura Boldrini.
Questo il susseguirsi degli interventi dei navigatori osimani a commento della notizia renziana.

Matteo PALLOTTA: Preparo i popcorn in attesa dei commenti.
Alessandro ACERBI: Amo i popcorn.
Francy CARDA: Io porto i pomodori; ce l’ho de casa.
Rosalia ALOCCO: Me li presti du pomodori?
Francy CARDA: Anche più di due.
Francesco LANARI: Sarebbe veramente bello caricare Renzi su un treno e spedirlo all’istante! Ma distante… tipo Mongolia.
Michele RICCI: Fosse na gnocca… capirei l’entusiasmo.
Alessia BRAGONI: C’è da essere orgogliosi! Ah, già che è in zona portatelo a vedere il ponte crollato che li giace.
Roberto TOZZO: Meglio Jessica Rizzo.
Loredana BAIOCCHI: Ok, sappiamo dove non andare il 18 ottobre.
Marco CARLINI: Portatelo a visitare l’ospedale con il pronto soccorso. Un consiglio Francè: i pomodori mangiali che è meglio, non li sprecare. Oppure fatelo passare per via dell’Industria.
Paolo MENGONI: Era mejo Lillo e Greg.
Andrea STARNARI: Sai solo fare battute faziose! E’ un grande statista… me lo ha detto il commissario Auricchio.
Daniele BARTOLINI: Cioè viene lui in cambio della serata mancata di Lillo e Greg?
Andrea STARNARI: Ecco un altro fazioso. Anche Mazzò dice che è un grande statista. Piantatela.
Alessandro ACERBI: Ma nooo, invece bisogna partecipare ed in massa, anche. Aggiungo, partecipate gente e portatevi dietro tante uova!
Antonio SCARPONI: Simone non te la prendere sono degli ingrati. In fondo il toscanaccio è uno dei migliori comunicatori; ha incantato gli italiani dicendo di voler rottamare tutto il Parlamento, togliere i vitalizi e di voler cambiare questo nostro Paese. Adesso viene in treno-tour, è veramente un grande! Altro che i napoletani che vendevano l’aria di Napoli o Totò il Colosseo. Questo, stai sicuro, li batte tutti”.
Diana MERCURI: Ohhh… finalmente posso usà le uova che me sò scadute da un par de settimane! Me lo diceva nonna de non buttà via mai niente… che prima o poi torma utile! In una botta solo faccio recupero, riciclo e relax terapia.
Giorgio GRACIOTTI: So indeciso tra lui e Bettarini.
Marco MEZZELANI: Meglio Bettarini, Giò!
Stefania NASUTI: No, Bettarini non capisce.
Filippo GIAMPIERI: Voi che brontolate andate a vede Grillo (il Grande statista).
Antonietta MORDENTI: Sicuramente è meglio!
Cristina PIERMARIA: Per carità, ancora farci del male!
Christian ROSSETTI: Con tutti sti posti che deve visitare bisogna che ce sta na settimana… Fatelo pernottà all’hotel House
Filippo DE SANTIS: Viene anche Geppetto?
Nicola BOTTONE: Che altro si deve smantellare?
Paolo GIULIODORI: Ma per curiosità, quanti treni di poveri comuni mortali venni fatti ritardare (come se ce ne fosse il bisogno…) per far passare il super Renzi treno? Si, perchè non viaggia sui Regionali ma il PD ha affittato un bel treno “privato”.
Francesco CASSONI: E me cojoni…
Sonia PERUZZINI: Io mi vergognerei a dirlo in giro che abbiamo ospitato Renzi. Giusto per coerenza.
Giuseppe MANZOTTI: I commenti cui sopra sono sicuramente… assoldati!
Simone CATANI: Ah ah ah
Alessandro ACERBI: Io parlerei di cose serie, come ad esempio le volontà del cittadino violentate da questi miserabili. Domani alle 13 in piazza Montecitorio a Roma.
Stefania NASUTI: Oh, però non ve sbajate sit-in!
Mariano GIULIODORI: L’ebete fiorentino è un politicante oramai finito; non mi capacito come ancora non l’abbia capito, tu ed altri. Neanche il referendum del 4 dicembre ti è bastato. Facci sapere l’orario, Simone, che preparo dei palloncini di merda da tirargli; è il minimo che si merita. Le uova marce non bastano dopo tutti i casini che ha combinato,  a cominciare dal Decreto farlocco del Salva-banche fatto da un Governo fantoccio, per continuare con il Job act, i voucher e tanto altro di peggio. Non gli stare vicino che rischi pure… insisto per sapere l’orario; vi meritate una bella lezione… rovina popolo e rovina Italia.
Stefania NASUTI: Fino a questo momento sei il miglior Hater.
Alessia BRAGONI: Direi che sta riscuotendo un successone questa visita!
Diana MERCURI: Viene a festeggiare anche la sorte del Ps…
Giuseppe MANZOTTI: Tranquilli… l’uva è ancora acerba.
Bruno CANTORI: Aia aia aia, a occhi e croce la maggioranza me pare che la pensane cume me! Stu Renzetto se perso tutti i sua ammiratori! Me sbaierò?
Alessandro ACERBI: Ma ci si fermasse solo un momento a pensare cosa sta cercando di combinare, lui e i suoi affaristi in queste ore… Ci vuole davvero coraggio a portare il simbolo di un partito con il suo nome e di tanti altri ignobili rappresentanti.
Giuseppe MANZOTTI: Passo.
Gian Luca GRISANTI: Potrebbe essere anche interessante… dipende da dove si mette rispetto al treno…
Gianluca CASSONI: Comincio a raccogliere le uova marce.
Rossano POLVERINI: Guarda, so tutto mmollo dall’emoziò. Chissà che se ce ancora da chiude?
Simone PUGNALONI: A tutti quelli che non amano Renzi per il loro pensiero politico che rispetto, faccio una domanda: oltre che criticare, qual’è il vostro politico o meglio il vostro leader che più vi rappresenta? Qual’è il leader migliore per il nostro Paese? Attendo risposta, grazie.
Mariano GIULIODORI: Simone, il politico che si può scegliere non è certo tra le fila del PD, da dove mi sembra stiano scappando in molti. Il PD farò la stessa fine della Democrazia Cristiana di cui ne è erede che è meglio non definisca. Dico solo che la DC è implosa per quello che ha dimostrato di essere, sintetizzabile nell’anagramma delle parole Democrazia Cristiana = Azienda Camorristica; inconsapevolmente nel loro Dna, all’atto della fondazione, si sono messi il nome che poi hanno dimostrato di essere.
Mauro CARDELLINI: Chi ama Renzi e altri personaggi imposti di quel calibro e di qualunque schieramento dovrebbe farsi curare. E non avere diritto di voto.
Cristian TANTUCCI: Simone non ho parole per il tuo commento… il Sindaco di una città che chiede quale leaderci rappresenta… Non so se mettermi a ridere o piangere… per me sicuramente nessuno del PD mi rappresenta… per lei Sig. Sindaco non ho commenti. Basti guardare il commercio del centro storico di Osimo… una vergogna.
Francesco CASSONI: Ma fai gli interessi degli Osimani o solo quelli del PD?
Maurizio PASCIA’: Sei tu il migliore.
Federico KD BUFARINI: Avrei una risposta per il leader ideale ma se lo scrivo… Facebook mi banna. ancora.
Diana MERCURI: Che poi proprio oggi lo domandi… pare na presa per il culo! Oggi che pur di non far eleggere quelli che gli italiani vorrebbero… state mettendo la Fiducia ad una legge elettorale! La vergogna e lo schifo! Vi chiamate Democratico perchè Paraculo pareva brutto! E la farsa di chiedere chi vorremmo ti fà fare una figura barbina proprio…
Andrea STARNARI: Sindaco, da quanti anni mi conosce? Da quanti anni conosce le mie opinioni? Non se la prenda… siamo solo su feisbuc.
Mariano GIULIODORI: Per chi non l’avesse capito: nella storia la fiducia su una legge elettorale è stata messa tre volte: nel 1923 da Mussolini “legge Acerbo”, nel 1953 da De Gasperi con la “Legge truffa”, nel 2015 da Renzi “Italicum”. Quindi come precedenti abbiamo una legge dittatoriale, una truffa e uno schifo bocciato dalla Consulta. E ora Gentiloni, spinto da Renzi e Berlusconi, ci vuole rifilare per forza il “Merdellum” senza che il Parlamento possa modificarlo! Sono dei farabutti!
Moreno MAMMOLI: Simone, te rigiro la domanda. Ci deve rappresentare una persona per cui la parola data è un opinione. Aveva promesso de lascià la politica se avesse perso il Referendum, aveva promesso de toglie i vitalizi, le accise, il jobs act dove conta, come occupato, anche chi lavora un giorno alla settimana? Le balle sulla ripresa. Sai come lo chiamano a Firenze? Renzo il remo, in onore ai suoi faremo, vedremo, provvederemo.
Maria Grazia MARIANI: Si respira un’aria nuova… piano piano la coscienza degli italiani sta emergendo. Coraggio… non dobbiamo aver paura.
Stefania NASUTI: Che cacchio de risposta è nessuno?
Giovanni GRASSO: Che nessuno ci rappresenta.
Stefania NASUTI: Oh, finalmente un hater vero che augura la morte! Finalmente un commento davvero democratico. Ma come? Era tanto bravo Mussolini! Ma un Governo dalla primavera 2018 ce lo dovremo pur dare!
Giovanni GRASSO: Certo. E sarà un’altra presa per il culu.
Stefania NASUTI: I sondaggi dicono che alla maggior parte della gente piace Gentiloni.
Giovanni GRASSO: Io non credo a nessun politico di nessuna fede, dal primo all’ultimo.
Federica BUSCARINI: Noi il governo nel 2018 lo voteremo pure ma dopo tre mesi ce lo cambiano! E Renzi è stato il protagonista di questa vergogna! Ma nonostante questo, ancora c’è chi ha il coraggio di sostenerlo e di presentarlo ai suoi cittadini!
Gessica PESARESI: Se il popolo italiano avesse le palle alle prossime elezioni il M5S prenderebbe una valanga di voti! Anche fosse solo per il gusto di non farsi prendere in giro sempre dalla stessa gente. Ma i cambiamenti spaventano, soprattutto a chi li chiede a gran voce perchè, non si sa mai che poi, in nome del bene comune, si sacrifichi anche il mio orticello.
Federica BUSCARINI: A me non sembra che rispetti molto il pensiero politico altrui, anzi non perdi occasione di sminuire continuamente chi non la pensa come te, a volte ignorandoli, a volte trattandoli solo come provocatori. Il leader di riferimento? Una persona che abbia il coraggio delle proprie azioni e che faccia l’interesse del suo popolo, ma soprattutto che non consideri la politica come un mestiere.
Alessia BRAGONI: Top!
Federica BUSCARINI: Ma credo di aver solo sintetizzato il pensiero di molti.
Paolo GIULIODORI: Io direi Simone Pugnaloni.
Rossano POLVERINI: Nessuno che mi rappresenta.
Silvia ROSATI: Mi ospiti Simone?
Gianluca CASSONI: Nessuno in questo momento. Renzi il peggiore, compresi i suoi delfini.
Stedania NASUTI: Ma qualcuno dovrai pur udirlo.
Sandra FILIPPONI: Orario?
Francesco QUATTRINI: Il treno di Renzi costa 400.000 euro ed anche se il PD è in rosso ed ha un buco di 9,5 milioni di euro e 184 dipendenti in cassa integrazione. Per me può tirare anche dritto, senza fermarsi per Osimo.
Stefania NASUTI: Ma come? Non hanno il bilancio certificato?
Gabriele ESPOSITO: Arrivo col bazuca!
Stefania NASUTI: Eeeeeehhhhhh!
Alessandro ACERBI: Signori, semplicemente dobbiamo pensare che i facenti parte del sistema, da cui hanno un tornaconto, non possono che stare dalla parte del marcio, pur sapendo quanto scorretto sia.
Diana MERCURI: Io qualche domanda sull’operato del partito me la porrei… nel vedere quanto poco i cittadini di un paesotto guidato da Amministrazione PD “fremano” al pensiero di incontrare il più famoso esponente…
Alessandra ACERBI: Freme solo chi ha il tornaconto. C’è poco da vedere, è molto triste.
Mariano GIULIODORI: Scrivi l’orario, perbacco. Chi lo sa pubblichi l’orario di arrivo del treno alla stazione di Osimo e il programma delle cazzate che ci vuole propinare, dove e come. Stavolta voglio esserci.
Carlo SORPINO: Arriva tutto il circo o viene solo il pagliaccio.
Christian ROSSETTI: Il mio pensiero non  politico. Ne ho un odio o una preferenza verso un politico in particolare. Piuttosto mi chiedo, dopo che Renzi verrà ad Osimo sarà risolto il problema delle scuole ad Osimo? Sarà ultimata  la strada di bordo? Sarà risolto il problema della riqualificazione del centro storico? Saranno risistemate e mantenute pulite le zone verdi comunali? Verranno rese umane le tasse comunali che gravano sui cittadini? Ci sarà un nuovo ospedale degno di tal nome ad Osimo? Potrei continuare per ore… insomma se viene Renzi o Bossi o chi altri… cosa cambierà in meglio per Osimo… A me interessa solo che la mia città torni ad essere perlomeno decente… Non è una questione di un politico o di un altro. Chi risolverà almeno uno di questi problemi forse mi rappresenterà. Poi le arringhe da tastiera le lascio volentieri agli altri…
Rossano POLVERINI: Attento con le “aringhe” che ntel pà, co na fetta de presgiutto, è la morte sua.
Christian ROSSETTI: E infatti a me, finchè se tratta de magnà…
Armando AMALA: Mussolini…almeno lui aiutava gli italiani… a prescindere dalle scelte sbagliate. Ma lui era per il popolo.
Maurizio BALEANI: Anche per la guerra…
Antonella MARCHEGIANI: E soprattutto con lui i treni arrivavano sempre in orario…
Maurizio BALEANI: Puntualissimi…
Antonella MARCHEGIANI: Il miglior capostazione d’Italia!
Maurizio BALEANI: Dalla parte dei poveri…
Antonella MARCHEGIANI: Proprio un benefattore! Altro che…
Maurizio BALEANI: Animo buono.
Antonella MARCHEGIANI: Aspetta aspetta… e i monumenti fascisti? Dove si poserebbero e cacherebbero altrimenti i piccioni!
Maurizio BALEANI: I piccioni non discernono tra fascisti e altri… Il fascismo per fortuna è finito… non tornerò.
Antonella MARCHEGIANI: Non ritornerà in termini di ricostituzione di un partito (costituzionalmente illegittimo). Ma noto, purtroppo, un atteggiamento mentale pressochè diffuso. che ne rispecchiano le caratteristiche: prepotenza, arroganza, mancanza di senso critico…
Stefania NASUTI: Questo soprattutto tra la gente “normale”. I grillini hanno capito tutto: in un Paese di ignoranti quali noi siamo, loro faranno sempre il loro comodo – si anche loro – che mica sono scemi o tanto diversi dagli altri. Nel settembre scorso, quando maturava il famoso diritto alla “pensione” come deputati, hanno urlato, hanno scalpitato, però, oh boia de un Nero, se ne fosse dimesso uno il giorno prima! No, nemmeno uno! Oppure, tutti i giorni urlano che il Parlamento italiano è formato da abusivi… e loro? Loro non sono abusivi? Ma che facciano la loro campagna elettorale, convincano la gente a votarli e poi se avranno tanti voti che vadano a governare questo Paese (auguri a tutti noi) senza tante storie.
Antonietta BERTINI: Almeno al tempo di Mussolini si sapeva di essere nel Fascismo, però di cose buone ne ha fatte. Il sbaglio è stato allearsi con i tedeschi, ma se ricordo bene la Storia non aveva alternative: o con loro o contro di loro e non so cosa sarebbe stato meglio. Ora siamo alla dittatura travestita da democrazia. Dove i potenti (banche ed istituzioni) fanno il bello e cattivo tempo a discapito della povera gente. Dove si aiuta tutti tranne il popolo italiano. E poi siamo considerati pure razzisti. Io spero che quando esprimete le vostre opinioni lo fate con coscienza e non per partito preso.
Paolo EGIDI: Spero deragli il treno.
Stefania NASUTI: Stai augurando la morte alle persone che saranno su quel treno?
Paolo EGIDI: No, per carità. Che il treno deragli, senza morti e feriti. Solo per non fare tappa d Osimo.
Filippo DE SANTIS: Per avere una determinata idea sono bastati 1.000 giorni.
Mauro CARDELLINI: Guarda che il circo è andato via da un pezzo.
Andrea MAGNATERRA: Faccio una osservazione. se tutti vanno contro al M5S ci sarà una ragione. E’ l’unico partito che potrebbe cambiare le cose; ma siccome hanno paura che vinca… allora non ci fanno votare!
Cristian TANTUUCI: Già…
Filippo DE SANTIS: Poi parlano di democrazia…
Stefania NASUTI: Tranquillo a primavera 2018 voterete come da naturale scadenza. Vi risulta che il Governo sia mai caduto dal 2013?
Antonietta BERTINI: Allora ti devi documentare. Il Governo eletto tramite votazioni elettorali, capeggiato dal Presidente Berlusconi, è caduto nel 2011 , il 12 novembre 2011. Il 16 novembre viene fatto dai tuoi amici un Governo tecnico che aveva il compito di portare il Paese a votazione prima possibile. Siamo andati a votare nel 2013 ed è stato fatto un rimpasto con Letta. Dopo di che il suo stesso partito lo ha costretto a dimettersi per dare a Renzi la possibilità di diventare Presidente. Pensando che avrebbero avuto più consensi. Ma non avevano calcolato l’arroganza, la presunzione e le bugie dello stesso Renzi. Quindi, praticamente, il PD è dal 2013 che mette al Governo persone di casa che nessuno ha votato pur di tenersi strette le poltrone. Senza parlare poi della promessa di Renzi di uscire dalla politica se avesse perso il referendum…
Andrea MAGNATERRA: La cosa principale da capire è che tutto il PD è stipendiato dai Rothschild che sono i proprietari della Banca d’Italia. Sono loro che dettano legge. Quindi finchè non facciamo come Putin che li ha scacciati dalla Russia noi non andremo da nessuna parte. L’unico partito che ha detto di volersi riprendere la sovranità bancaria è il M5S!
Rossano MASSACCESI: Complimenti. Purtroppo con l’ignoranza in Italia si tengono stretto il potere.
Andrea BANTU: Io spero che tutti i miei parenti, li al cimitero di Osimo, non si rivoltino nella tomba… vere persone di Sinistra con valori e dignità. Qui parlano solo i fatti. Quest’uomo con tutta la sua combriccola dovrebbe marcire in galera con l’accusa di genocidio… del popolo italiano.
Alessandro GIACCHETTA: Presente
Claudio SUARDI: Sapevo che veniva anche la Boldrini.
Rossano MASSACCESI: Si la Boldrini, così vomitavo due volte.
Renza PISTONI: Bellissimo leggere gli idioti!
Daniele BARTOLINI: Bellissimo offendere.
Renza PISTONI: Io non la conosco. Lei si sente un idiota. Non credo di offenderla. Piuttosto legga i commenti.
Daniele BARTOLINI: Appunto.
Diana MERCURI: Il migliore. Vorrei avere il tuo stesso dono della sintesi.
Giorgio MAGI: Le donne in generale sono più conosciute per doti di analisi che di sintesi.
Andrea STARNARI: Signor Magi lei è un genio! Confesso che rosico perchè non è venuto in mente a me.
Giorgio MAGI: Grazie ma non merito tanto.
Marco BIANCO: Precisa!
Renza PISTONI: Grazie per l’informazione.
Gina ROY PIMPA: Mancava solo lui come pagliaccio ad Osimo.
Claudio SUARDI: Brava Ale. Le aziende che hanno fallito, i negozi chiusi, l’ospedale, l’Inps, il Tribunale e altri mirabilanti successi… Immagino ali di folla osannanti e festanti al suo passaggio…
Luigi PERETTI: Come si fa a pubblicizzare ancora Matteo Renzi il distruttore, che assieme i suoi compagni hanno completamente distrutto il nostro Paese? Qui non si tratta di chiedere qual’è il nostro politico che più ci rappresenta; qui la cosa preoccupante è vedere che c’è ancora gente che appoggia questi personaggi che, in altri tempi, sarebbero già stati condannati.
Diana MERCURI: Se posso continuare la formulazione del pensiero… Se comunque nel baratro ci stiamo andando e dobbiamo continuare ad andarci (perchè potete mette tutti i dati e i sondaggi che ve pare, ma la veridicità di questi si testano nella vita reale e basterebbe non andare in giro con la Mortadella negli occhi per vedere che quei sondaggi di ripresa sono farlocchi tanto quelli che danno Gentiloni come premier apprezzato dagli Italioti). Io preferisco andarci guidata da un novellino che ci prova a dare una strada nuova, che non mi ha mai ingannata e per cui provo ancora fiducia (anzi, più merda ci spalmate sopra, più fiducia gli do) rispetto a finirci con chi sono anni che mi prende per il culo, che mi ruba fino all’ultimo centesimo, spostando a praticamente dopo la mia morte, la data del mio pensionamento, che cerca di costringermi al silenzio e alla rassegnazione imprigionandomi in una Italia di vecchi, che non offre lavoro ma non vanta di una ripresa per il fatto di aver abolito i voucher ed aver ottenuto una manciata una manciata di contratti da un’ora a settimana su cui basano i loro sondaggi (io di questi contratti ne ho quattro!!!), che non ti gratifica e ti obbliga alla fuga in altri Paesi per affermarti nella tua professione perchè prima vengono i figli di papà, poi quelli a cui è stato promesso qualcosa, poi forse tutti gli altri ma ovviamente in graduatoria perchè sai, siamo pur sempre in democrazia; che costruisce a tutto spiano ma non ti permette di acquistare perchè non ti da mutui, che esige donne lavoratrici e madri indicendo il Fertility day ma non offrendo alcun tipo di garanzia per far si che la donna possa riuscire a fare tutto, che proclama la scuola materna come punto fondasmentale per il futuro percorso scolastico dei bambini ma ne preclude l’accesso a tutti, che impone trattamenti sanitari urlando alla prevenzione ma che per una eco al seno ti fa aspettare un anno e mezzo (e se veramente vuoi fare prevenzione vai a pagamento), che parla  di “potenziamento dei servizi ai cittadini” e poi chiude ospedali ed uffici mandando al collasso le altre strutture vicine (vedi Ospedale di Osimo e uffici Inps), che piange di fronte ai terremotati illudendoli con un “non vi lasceremo soli” e poi, la prima cosa che costruiscono è un municipio, che chiede fiducia al popolo e cerca di ottenerla con le imposizioni… Potrei continuare per ore ma è meglio che mi fermo qui…
Maurizio BALEANI: Condiviso tutto signora Diana. Il problema principale è che purtroppo grande responsabilità ce l’abbiamo noi cittadini…
Rossano MASSACCESI: L’ebete di Firenze, il, lecca-culo, più lecca-culo delle banche e assicurazioni d’Italia.
Natalino MASTROPIETRO: Nessun leader. Nessun politico. Nessun Partito. Nessun Movimento. Siete tutti servi. Nessuno merita fiducia, ne voto.
Stefania NASUTI: A chi voi mazzà?
Luca QUATTRI’: Quello che arriva col treno.
Stefania NASUTI. Non fare l?hater.
Marco CARLINI: Una Renzi femmina ci mancava.
Maurizio BRACONI: Egregio Signor Sindaco, Lei attende una risposta dai suoi concittadini per Renzi che arriva in Osimo (per me può tranquillamente non fermarsi e proseguire oltre) quando Lei proprio non risponde ai problemi che riguardano il proprio Comune. Faccio riferimento ad una mia richiesta per quanto riguarda l’aumento indiscriminato delle imposte delle “luci votive” al cimitero. Un aumento veramente ingiustificabile (anche se possono sembrare pochi spiccioli) per cui pretendo io una risposta e le motivazioni di questo aumento. Grazie.
Gianluca BALDUCCI: Me la vedo brutta… Il miglior leader politico? Senz’altro lei!
Lorella PIERDOMINICI: Ci saremo e saremo in tanti. Le provocazioni, le intimidazioni non scalfiscono i nostri pensieri e il nostro agire.
Alessia BRAGONI: Comunque è ironico il mio commento. Meno male che ci siete e sarete in tanti, me cominciavo a preoccupare per la pessima figura… ma il PD (questo va riconosciuto o almeno una parte di esso) si muove in massa e sarà sicuramente presente.
Lorella PIERDOMINICI: Non ti preoccupare, eh… che non vale la pena ai tanti commenti offensivi su FB. Bisognerebbe starci giorno e notte!
Alessia BRAGONI: E’ ironico il mio commento, giusto per precisare.
Lorella PIERDOMINICI: Certo! Che non ti prendessero per una del PD… per carità!
Alessia BRAGONI: Infatti!
Lorella PIERDOMINICI: Io sono fortemente del PD.
Alessia BRAGONI: Avevo intuito e rispetto il tuo pensiero.
Sandra FILIPPONI: Chi sono tutti sti sfigati che non sanno ciò che dicono, burattini?
IL PUGNA CINQUE CINQUE: Caro Signor Sindaco, anzichè festeggiare l’arrivo di Renzi, perchè non organizza un tour nei centri storici delle nostre amate Marche a vedere quanti negozi chiusi… e le zone industriali con innumerevoli capannoni vuoti?
Rosanna PALADINI: A che ora arriva?

SPESI 600.000 EURO IN 3 ANNI PER NOTULE! OSIMO PAESE DI BENGODI PER GLI AVVOCATI...
IL CIRCOLO TENNIS SI SCUSA E PASSA ALL’ATTACCO “CONTRO DI NOI UNA PESANTE CAMPAGNA DENIGRATORIA”

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *