SENSIBILIZZARE OSIMO ALLA ACCOGLIENZA
COSTA SOLTANTO CIRCA 3.200 EURO

SENSIBILIZZARE OSIMO ALLA ACCOGLIENZA COSTA SOLTANTO CIRCA 3.200 EURO

 1,795 total views,  2 views today

Voce per voce, analizziamo tutti i capitoli della ricca spesa legata al progetto SPRAR

 

SENSIBILIZZARE OSIMO ALLA ACCOGLIENZA
COSTA SOLTANTO CIRCA 3.200 EURO

 

La somma, come le altre, incassata e gestita dal gruppo “Umana solidarietà” di Macerata

Vediamo ora come spendere altri 3.166,67 euro in assistenza per 15 asilanti ospiti 19 mesi ad Osimo.

Il GUS di Macerata, partecipante unico al bando di concorso SPRAR, propone un servizio di mediazione linguistica-culturale e di interpretariato fornito da collaboratori esterni all’equipe del Gus, incaricati tramite contratto a chiamata e selezionati facendo attenzione alla comprovata professionalità, oltre che dei titoli riconosciuti di cui sono in possesso.

L’equipe dispone di una rete di interpreti e mediatori, costituita in seguito ad anni di pregresse collaborazioni e che attualmente garantisce la copertura della seguente gamma linguistica: inglese, francese, spagnolo, arabo, somalo, wolof, pidgin, english, urdu, punjabi e bengalese.

L’attività di mediazione è trasversale a tutti i servizi erogati dal progetto e fondamentale nel processo di presa in carico dei beneficiari. Per questo motivo si prediligeranno i rapporti con un gruppo selezionato di mediatori, al fine di creare un clima di fiducia e alleanza.

E’ attiva una collaborazione con l’associazione di promozione sociale, denominata ASI, composta da diversi mediatori della Provincia di Ancona che offrono il servizio di mediazione culturale.

I mediatori, prima e dopo ciascun intervento, avranno il tempo e lo spazio, innanzi tutto di concertare l’obiettivo e le strategie del colloquio e successivamente verificare l’esito dello stesso, insieme all’operatore o a tutto il team di lavoro.

Potranno inoltre essere coinvolti in riunioni d’equipe dedicate a particolari casi per poter offrire un lavoro a supporto a tutta l’equipe.

Il servizio di mediazione culturale verrà utilizzato inoltre per le riunioni collettive con i beneficiari, andando a favorire la comunicazione e le relazioni tra operatori e beneficiari, lasciando spazio all’espressione dei bisogni ed alla loro codifica con il supporto di una lettura interculturale.

Periodicamente si prevedono degli incontri di aggiornamento tra gli operatori del progetto SPRAR e i mediatori dell’associazione che vadano nella direzione di un servizio completo ed orientato a rispondere ai mutevoli contesti in cui è inserito il progetto di accoglienza,

I mediatori delle varie nazionalità fungono da risorsa e collegamento sia con le comunità di appartenenza dei beneficiari presenti sul territorio che con gli Enti pubblici/privati con cui collaborano come associazione.

In concreto, attraverso il servizio di mediazione linguistica-culturale si cercheranno di raggiungere i seguenti obiettivi:

1) Fornire ai beneficiari del progetto informazioni legali in merito al diritto d’asilo: facilitarli nell’accesso ai servizi in ambito legale-amministrativo, nel disbrigo delle pratiche quotidiane o durante gli appuntamenti presso la Questura e la Prefettura.

2) Migliorare il livello di consapevolezza della situazione socio-sanitaria personale attraverso colloqui individuali e/o mediante gli accompagnamenti a visite mediche specialistiche con il supporto del mediatore linguistico culturale.

3) Ampliare la conoscenza del territorio da parte dei beneficiari, specialmente in ambito sanitario, tramite accompagnamenti ai servizi/uffici in compresenza con il mediatore linguistico culturale.

4) Sensibilizzare il territorio del Comune di Osimo alle tematiche dell’intercultura, dell’accoglienza e della richiesta di asilo tramite attività interattive in cui verranno coinvolti alcuni dei mediatori culturali.

5) Maggiore conoscenza delle culture di appartenenza e dei Paesi di origine dei beneficiari tramite momenti di approfondimento e scambio tra l’equipe ed i mediatori interculturali; in questo modo migliorare anche la gestione dei conflitti tra beneficiari e tra operatori e beneficiari attraverso il contributo del mediatore culturale che può apportare preziose informazioni/suggerimenti.

                              RISULTATI ATTESI

1) Il 100% dei beneficiari usufruirà del servizio di mediazione linguistico-culturale nella sua lingua madre.

2) Il 100% dei beneficiari usufruirà del servizio di mediazione linguistico-culturale nella fase iniziale dell’accoglienza, nell’illustrazione del contratto e del regolamento del centro, nei colloqui periodici finalizzati alla costruzione del progetto individualizzato, nell’orientamento e accompagnamento legale, sociale, sanitario e integrativo; numero 3 incontri di aggiornamento e condivisione delle modalità di intervento dello staff di progetto insieme ai mediatori coinvolti nelle attività.

COSTO PER 19 MESI DEL SERVIZIO: 3.166,67 euro.

Fine della quinta puntata.

SPACCO BOTTILIA
IL 6.39% DEGLI OSIMANI
ALLA GUIDA SENZA ASSICURAZIONE!
CALMA, IL DATO
- CONFRONTATO CON L’ITALIA - È OTTIMO...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *