DROGA, ARRESTATI MARTEDÌ, LIBERI PER PASQUA!
IN MANETTE TUFANO E UN RUMENO DEL PADIGLIONE

DROGA, ARRESTATI MARTEDÌ, LIBERI PER PASQUA! IN MANETTE TUFANO E UN RUMENO DEL PADIGLIONE

 9,090 total views,  2 views today

Dai Carabinieri stop anche ad un civitanovese. Sequestrata droga per 30 chili e denaro


Natale con i tuoi ma Pasqua con chi vuoi! L’antico e saggio proverbio sembrerebbe pensato su misura per Gianfranco Tufano, osimano di 32 anni di chiare origini napoletane, residente a Padiglione, già dipendente di una coop attiva presso l’ospedale di Torrette.
Il ragazzo, arrestato a Natale per traffico di cocaina, in effetti fece appena in tempo a farsi un paio di notti e mangiare il panettone, gentilmente offerto dallo Stato in quel di Montacuto; per poi ritrovarsi subito libero di festeggiare San Silvestro fuori dal carcere.
Poco c’è mancato che il giudice per le indagini preliminari, nell’offrire idealmente a Tufano un calice di spumante italiano, si scusasse anche con lo spacciatore per l’incomodo patito “sotto festa comandata”.



Sarà per evitare un nuovo imbarazzo che stavolta, con Pasqua alle porte, i giudici anconetani, incaricati di valutare e – a volte – accogliere le istanze di custodia cautelare in carcere avanzate dai Carabinieri, hanno preferito bruciare i tempi sottoscrivendo per Tufano un nuovo arresto per droga – concluso dagli uomini del Norm di Osimo tra lunedì e martedì – in modo tale da poter rimettere in libertà l’osimano prima di Pasqua ed evitargli un secondo stress da festa non santificata!
Sembrerebbe una favoletta gratuita, pensata e fatta circolare ad arte da quei soliti, per fortuna sempre meno, cattivoni della stampa – tra i pochi rimasti nel sentirsi più tranquilli narrando di un arresto – se il modus operandi raccontato sui criteri della Procura dorica, al pari di quasi tutte le altre in giro per lo Stivale, non fosse pura e drammatica verità.
Tufano, arrestato a Natale, è così stato nuovamente ammanettato per la coda di quell’operazione che, a distanza di tempo, si è arricchita di altri particolari e responsabilità meritevoli l’arresto.


Gianfranco TUFANO, 31 anni, arrestato per coca

La stessa sorte, nella medesima notte dell’altro ieri, è toccata ad un rumeno di 33 anni, pure questo residente a Padiglione. Valentin Ishiam, disoccupato, è finito in carcere per il traffico, stavolta di hashish finito tra i consumatori osimani e della Val Musone attraverso una scuderia di pusher, tutti già arrestati nel corso dell’operazione, coordinatasi tra carabinieri di Osimo e Pubblico ministero Valentina Bavai, per circa un anno.
Anche in questo caso la rimessa in libertà del rumeno è attesa a giorni, forse ore.
Terzo scatto di manette, nella notte che ha visto i militari del nucleo Operativo darsi ripetutamente il cambio, per un pescatore civitanovese di 27 anni, tale Andrea Palmioli, ritenuto responsabile di aver inondato Castelfidardo, sempre sotto Natale scorso, di chili e chili marijuana, grosso modo una trentina; mezzo chilo la coca complessivamente rinvenuta nel corso delle tre distinte operazioni e circa 7 etti l’hashish sequestrato per un valore complessivo sul mercato finale di 50.000 euro di coca, 7.000 di hashish e circa 35.000 di fumo.
Valore complessivo della droga rinvenuta, costata l’arresto incidentale anche di una dozzina di pusher, quantificato in 92.000 euro, oltre a 20.000 in denaro contante.
Detto che da martedì la “rumba” dello spaccio, con la sicura scarcerazione di Tufano, Ishiam e Palmioli, dovrebbe riprendere tale e quale, visto anche il sopraggiungere di ponti importanti come quello del 25 aprile e del 1° maggio, segnaliamo alcune moderne, quanto ingenue tecniche venute a capo dei Carabinieri durante le indagini.
Avendo, sempre di più, a che fare con un mondo giovanile abituato ad utilizzare Whatsapp, Instagram, Telegram ed altre applicazioni oggi normalmente disponibili gratis, i Carabinieri sono venuti spesso a contatto con messaggi solo apparentemente fuorvianti.



“Mi serve lo zucchero”, oppure “andiamo a fare la spesa” o “ho finito la farina” – comunicando tra sospetti assuntori – non ha alcun senso.
Tanto vale fare una telefonata e chiedere per la sera qualche grammo di coca da far trovare, possibilmente, presso quel bar o l’altro locale alla moda.
I Carabinieri farebbero meglio e prima e allo spacciatore potrebbe riservare una sorpresa positiva da qualche giudice… tipo uno sconto di pena o comunque l’applicazione di una diminuente in sede di processo per non aver ostacolato il lavoro delle forze dell’Ordine! Povera Italia.


 

DROGATO DI CASENUOVE BECCATO IN AUTO DALLA POLIZIA
CONTROLLI PASQUALI DI ROUTINE PER MARCO PIERGIACOMI
10.000 EURO PUBBLICI PER UNA MARCHETTA DA 30 VOTI!
LE DUE GRU DI VIA KING DIVENTANO CASO POLITICO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *