GLI AMICI NEI CDA DELLE SOCIETA’ PARTECIPATE
PUGNALONI E I CRITERI DI NOMINA: “NO AI PERDENTI”

GLI AMICI NEI CDA DELLE SOCIETA’ PARTECIPATE PUGNALONI E I CRITERI DI NOMINA: “NO AI PERDENTI”

 3,959 total views,  4 views today

Sulle note di “We are the champions” il Sindaco brinda a villa Gentiloni per il secondo mandato. Circa 500 i presenti. Nessuna notizia certa sulla first lady


EXIT POOL

View Results

Loading ... Loading ...

RIVOTA IL BALLOTTAGGIO - AL BALLOTTAGGIO HO VOTATO PUGNALONI DOPO CHE AL PRIMO TURNO

View Results

Loading ... Loading ...


“Ho pagato i miei debiti, giorno dopo giorno. 

Ho scontato la mia pena senza aver commesso crimini. 

Di brutti errori ne ho fatti un pò, ho avuto la mia dose di sabbia gettata in faccia… ma ne sono uscito.


Gepostet von Diego Gallina Fiorini am Sonntag, 23. Juni 2019


Noi siamo i campioni, amici miei; e continueremo a lottare fino alla fine. 

Noi siamo i campioni, noi siamo i campioni… non c’è tempo per i perdenti perchè noi siamo i campioni… del mondo!”


Cena in piedi, Villa GENTILONI, per festeggiare la vittoria al ballottaggio

Sulle note di We the champions, la poderosa macchina elettorale del Bene ha celebrato- domenica sera a villa Gentiloni – la storica vittoria sul Male assoluto osimano.

Alla presenza di circa 500 elettori prenotati per la festa (in genere venduta da Paolorossi a 40 euro a cranio, Ndr.) un Pugnaloni ancora commosso per le non meglio vicissitudini familiari urlate la notte della vittoria, ha ricordato le principali tappe che hanno portato ad una riconferma – per come maturata, ovvero grazie all’apporto “anti” di leghisti ed Estrema Destra in appoggio decisivo al Pd – che ha avuto del miracoloso.

Sullo stile del testo dei Queen (uniche deviazioni la ribadita devozione alla Madonna di Loreto e la santificazione del Corpus Domini partecipando alla processione) Pugnaloni ha invitato tutti a farsi carico del risultato per migliorare la città nel prossimo quinquennio.

“Svegliatemi a mezzanotte ogni qualvolta avrete buone idee o chiamate senza problemi alle 5 del mattino se qualche servizio non dovesse funzionare.

Insomma ad attendere Pugnaloni sembra prepararsi un periodo di fuoco, con rare concessioni alla privacy, giusto a notte fonda, come si conviene al Bene chiamato a vegliare incessantemente su tutti noi cittadini, in genere bisognosi di essere assistiti, confortati e riparati dagli insifiosi attacchi molteplici del Male.

Detto che, non essendo stati invitati alla festa – come Pugnaloni è uso fare da sempre guadagnandone incredibilmente in simpatia e consenso – non siamo in grado di confortare i lettori circa la presenza della First lady o meno (sembra comunque presente all’happening), veniamo all’unica notizia di giornata.

Dopo aver ringraziato nuovamente tutto e tutti, Pugnaloni ha anticipato che la decisione – su chi favorire e chi no nel rinnovo dei Cda nelle società partecipate – finirà comunque col premiare i soliti noti, vale a dire i soli amici di provata fede radical chic, con qualche rara apertura agli amici degli amici. E tanti saluti al merito, competenza e amenità da campagna elettorale.

Perchè, ha ribadito Pugnaloni nell’aprire la serata (sembra una scomoda cena in piedi, girovagando da un ricco buffet all’altro), il 9 giugno non ho vinto io ma abbiamo vinto tutti… perchè, come insegnano Freddie Mercuri e il Marchese del Grillo, noi siamo noi e loro sono invece perdenti, la storia da buttare, il Male.



“Non ho vinto io, abbiamo vinto noi, abbiamo vinto tutti. Prima di tutto grazie di tutto, siete tantissimi, grazie, grazie, grazie! Osimo merita questo… e la costruiremo insieme la Osimo del futuro!

Sono stati 45 anni giorni duri… però ha vinto l’entusiasmo, ha vinto l’energia ed ha vinto la passione. Questi tre aggettivi, queste tre parole serviranno per condividere insieme i prossimi 5 anni di amministrazione.

Più di 100 persone hanno corso al mio fianco e a loro va il mio grazie; tanti che ci hanno aiutato ad organizzare la serata di questa sera… a loro il mio grazie. Un grazie speciale, ancora una volta, alla mia famiglia alla quale tengo tantissimo, tutti… è con queste lacrime, con questa emozione abbiamo vinto perchè noi vogliamo bene ad Osimo e agli osimani.

E’ così che costruiremo la Osimo del futuro! Osimo è la quarta città della provincia di Ancona e merita quella visione internazionale di cui abbiamo parlato tanto in questi mesi.

Abbiamo portato tanti visitatori, gli abbiamo fatto scoprire la nostra Osimo, abbiamo riscoperto noi l’identità della nostra città… siamo in questo splendido luogo ed io ringrazio il sarto Luca Paolorossi, un grande amico che mi veste sempre…

Gli ho detto se mi prestava la villa per fare questa bellissima festa… e qualcuno ha detto: “Già pensa alle Regionali”. No. C’ho un amico che mi ha prestato un luogo meraviglioso, a cui va il nostro grazie, grazie, grazie perchè siamo tanti, ci voleva un luogo meraviglioso per fare tutto ciò… un grazie al Caffè della Piazza e a Joselito per aver messo a disposizione il suo staff per organizzare il tutto… 

Ma il grazie più grande, sono veramente emozionato… non vedevo l’ora… ero alla processione (Corpus Domini, NdR.), per me è Santo il momento della processione, però non vedevo l’ora di abbracciarvi tutti perchè vi ho sentiti sempre vicini, sempre.

Ho condotto come ogni anno – e non solo perchè c’erano le elezioni – la Macerata-Loreto la notte prima delle elezioni… e mentre camminavo ringraziavo tutti voi, mentre camminavo sentivo sulle spalle il peso dei 5 anni che erano passati… ma avevo tanta voglia di continuare per altri 5 anni perchè tante cose dovevamo fare.

E allora l’ho detto già l’altra volta… qualcuno vedeva le ruspe negli ultimi mesi e diceva queste sono le ruspe per vincere le elezioni… invece tra un pò inaugureremo la rotatoria di Osimo Stazione, tra un pò cominceremo a vedere la variante a Nord… insomma tante cose ci sono da fare insieme… e soprattutto vedere tanti giovani nel centro storico. Da tanti, tanti anni non c’erano più questi ragazzi e ragazze, anche in mezzo alla settimana… e questo – spendendo una marchetta clamorosa – lo dobbiamo al Caffè della Piazza e a Joselito che spero saprà fare quello che ha fatto a Sirolo… mettere insieme tutti per fare grande il nostro centro storico.

E allora mi sono preso qualche giorno di riposo, che ci sta; farò una piccola vacanza ma poi H24 come nei 5 anni scorsi… una squadra forte che ringrazio tutta.

Abbiamo presentato questa settimana la Giunta, poi nomineremo tutti gli amici che andranno ad amministrare le società partecipate ma sappiate che ciascun di coloro che si è candidato con me, ciascuno dei cittadini e cittadine che sono qui stasera, hanno l’obbligo di svegliarmi la sera a mezzanotte se hanno un’idea per Osimo… hanno l’obbligo di svegliarmi alla mattina alle 5 se c’è un problema ad Osimo perchè la città la amministriamo in-sie-me!

E quindi il consenso serve per vincere ma tutti siamo indispensabili per far volare Osimo e allora stasera poche parole, poche chiacchere – schivando in extremis il clamoroso lapsus freudiano del video in campagna elettorale – e tanta festa! Vi saluterò piano piano uno ad uno… grazie veramente di cuore. Buona festa a tutti!”.

MARCO PIERGIACOMI BEFFATO IN STILE GRILLINO!
GRAZIE AD OSIMO OGGI.it UN LETTORE SVENTA LA TRUFFA
IRA TREMEBONDA DI NATALUCCI, SERVONO I CARABINIERI!
MILITARI IN TEMPO, “SALVANO” UNA DIPENDENTE ASSO

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *