IMPIANTO ELETTRICO E GRUPPO ELETTROGENO OUT PER L’INTERA NOTTE…
I TECNICI DELL’OSPEDALE COSTRETTI AD OPERARE ALLA LUCE DEI TELEFONINI!

IMPIANTO ELETTRICO E GRUPPO ELETTROGENO OUT PER L’INTERA NOTTE… I TECNICI DELL’OSPEDALE COSTRETTI AD OPERARE ALLA LUCE DEI TELEFONINI!

 1,231 total views,  1 views today

Incredibile al S.S. Benvenuto e Rocco, per la serie quando la realtà supera la fantasia!

IMPIANTO ELETTRICO E GRUPPO ELETTROGENO OUT PER L’INTERA NOTTE…
I TECNICI DELL’OSPEDALE COSTRETTI
AD OPERARE ALLA LUCE DEI TELEFONINI!

4 ore di black out per i tagli di Ceriscioli. Il nosocomio anche senza torce elettriche!

Quattro ore di black-out, in piena notte, per ammalati e personale del S.S. Benvenuto e Rocco!

Da mezzanotte e mezzo alle quattro e mezzo del mattino l’intero ospedale è rimasto al buio, nell’impossibilità di affrontare anche la normale attività… illuminato dai soli schermi dei telefonini!

Il malfunzionamento dell’impianto elettrico ha immediatamente riguardato anche il gruppo elettrogeno che, per quanti sforzi i tecnici hanno prodotto, non ha voluto saperne di illuminare alcunchè lasciando la struttura sanitaria completamente in balia delle circostanze.

Che per fortuna non sono state gravi. Il 118 ha ricevuto l’ordine di non consegnare pazienti ad Osimo (per non fortuna non si sono verificati casi importanti) e i ricoverati invitati a restare in standy-by, ovvero pronti a qualsiasi evenienza che, fortunatamente, non si è presentata.

Tragicomico, alla Fantozzi rende esattamente l’idea, il lavoro di elettricisti e tecnici che, alla bene e meglio, hanno provato per lunghe 4 ore a far tornare l’energia elettrica.

Mentre l’intero ospedale, reparti e strumentazioni comprese, è rimasto al buio più totale, la squadra di elettricisti chiamata in soccorso si è trovata ad operare senza neanche l’ausilio, sul posto, di una banale torcia elettrica di emergenza!

Riepilogando: ore 12.30 a ciel sereno salta improvvisamente l’illuminazione nel 100% delle strutture ospedaliere; contemporaneamente va in tilt anche il gruppo elettrogeno atto a consentire di proseguire temporaneamente l’attività in corso… scatta l’allarme, arrivano gli elettricisti e si ritrovano anch’essi al buio causa mancanza in loco anche di torce elettriche!

Persino in Ruanda, pure abituati ad affrontare 3.578 impicci gravi al giorno – parliamo per conoscenza diretta – si lamenta un livello di difficoltà medio decisamente inferiore… e certamente una vicenda come quella capitata in sorte al moribondo S.S. Benvenuto e Rocco avrebbe creato scandalo persino a Kigali!

Ad Osimo, ringraziando Pd e Ceriscioli, tutto questo non fa più notizia essendo ogni impiccio derubricato a incidente di percorso che ci può stare; così quando i soccorritori, visto il non poter contare su alcuna risorsa interna, si sono fatti coraggio ed hanno iniziato ad operare alla luce delle torce… dei telefonini (!) nessuno ha avuto la forza di lamentarsi e men che la voglia di gridare allo scandalo!

Dopo quattro ore di buio, alla fine gli elettricisti, soccorsi dal display illuminato del cellulare o da altre invenzioni all’impronta, sono riusciti temporaneamente ad avere la meglio di un solitario topolino, ghiotto di rosicchiare fili, cavi e collegamenti vari.

Una soluzione tampone, giusto per non rischiare di dover dirottare su Jesi possibili emergenze e per affrontare in qualche modo l’attività mattiniera dell’ospedale.

Niente da fare. Poche ore di lavoro e l’impossibilità per Radiologia di contare su un servizio senza interruzioni (vedi lastre) ha portato la Direzione a chiudere il reparto.

I pazienti lievi sono stati invitati a tornare in altra data, quelli di media gravità dirottati su Loreto mentre i codici più gravi sono stati spediti, come sempre più spesso accade, a Jesi o a Senigallia.

A ventiquattro ore dal black out non è ancora dato sapere se la riparazione ha avuto successo e se sono stati risolti le questioni relative al mancato avvio del gruppo o se invece si proceduto in modo di tamponare il problema sperando che da lassù, Benvenuto e Rocco, spendano le buone parole che Ceriscioli ha deciso di non spendere più per Osimo.

In assenza di comunicati ufficiali, ognuno tragga le proprie conclusioni.

Domanda finale: se tutto questo fosse accaduto a mezzogiorno anzichè mezzanotte? Con l’ospedale a tutto vapore e magari l’utilizzo di camere operatorie?

In bocca al lupo!

L’ULTIMA DI PUGNALONI?
“CHIEDERO’ AD AUTOSTRADE
IL PEDAGGIO GRATUITO PER TUTTI,
CAMION ED AUTO!”
“CARABINIERI AIUTO... LA BORDONI È IN ASTEA!”
MENGONI TERRORIZZATO DALLE IDEE
DELLA EX COLLEGA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *