QUATTRO 15ENNI
BECCATI A SCUOLA
DI DOMENICA
CON LA DROGA!

QUATTRO 15ENNI BECCATI A SCUOLA DI DOMENICA CON LA DROGA!

 1,648 total views,  1 views today

La Polizia li sorprende domenica pomeriggio in piazza Santa Lucia

QUATTRO 15ENNI
BECCATI A SCUOLA
DI DOMENICA
CON LA DROGA!

Si abbassa sempre di più,
anche fino a 13 anni (!) l’età dei tossici

59 anni e – ancora poco – il Vostro Direttore potrà affermare di appartenere ad un’altra generazione. Ce ne siamo drammaticamente resi conto, per la prima volta, ieri pomeriggio nell’apprendere di un banale fatto di cronaca capitato domenica pomeriggio nell’ala attualmente in disuso delle elementari “Bruno da Osimo”.
La notizia parlava, genericamente, di quattro minorenni osimani colti dalla Polizia a consumare tranquillamente droga all’interno di un’aula.

L’ingresso secondario della scuola Bruno da Osimo

Due i campanelli di allarme che hanno confermato, entrambi, l’appartenere di chi scrive ad un altro mondo rispetto ai protagonisti. Nel primo drin c’è l’annotazione mentale, sbagliata, che il fatto dovesse riguardare – essendo minorenni coloro che avevano a fare con la droga – dei ragazzi di 17 anni. Errore: i quattro segnalati ai genitori e in Prefettura sono ancora più giovani e vanno dai 15 ai 16 anni.

Il secondo “drin” riguarda il luogo di consumazione, una scuola chiusa di domenica pomeriggio, per entrare nella quale i quattro hanno dovuto compiere un altro reato.
Con la mente siamo ritornati ai nostri lontani 15 anni e al ricordo di qualche errore commesso; ebbene, pur trovandone più d’uno, non siamo riusciti ad individuarne uno in conseguenza dell’altro.

Insomma 40 anni fa di cazzate se ne facevano anche allora ma… singole. E a nessun osimano degli anni ‘70, sano di mente, sarebbe venuto in testa di infrangere la legge due volte in cinque minuti per lo stesso risultato.
Oggigiorno invece accade e accade anche ad Osimo. Anzi il fatto che i minorenni in questione abbiano 15 e 16 anni li pone, non già tra i super giovanissimi ma solo tra i giovanissimi.
Il fenomeno della droga, purtroppo, sta ampliando sempre più la forbice dell’età fino a raggiungere, anche in provincia, i solo 13 anni! L’età della seconda media!

Denunciato forte l’allarme sociale veniamo al fatto. In un pomeriggio festivo con il centro storico, al solito, completamente spopolato da anima viva (i soli presenti erano tutti convogliati a teatro per assistere alle premiazioni dello sport osimano), i quattro hanno pensato di di incontrarsi per una fumata di droga in compagnia.
Due avevano il compito di acquistare la sostanza (tipo marijuana) mentre gli altri due avrebbero dovuto occuparsi di reperire lo spazio dove andare fuori di testa. Ammesso che sceglie di drogarsi ne abbia uno, funzionante, sulle spalle.
Scelta caduta sull’ala in disuso della Bruno da Osimo. Scavalcata una cancellata e forzata una uscita secondaria mettendo fuori uso la maniglia antipanico, i quattro amici hanno creduto di poter godere della necessaria tranquillità per passare al reato numero due.
Nella realtà i residenti zona, abituati a vigilare sui movimenti esterni, avevano notato il gruppetto scavalcare la recinzione per poi rendersi invisibili.

Immediata telefonata al 113 e dal vicino Commissariato una volante ha impiegato mezzo secondo per entrare a scuola e trovare i quattro ancora intenti nei preparativi.
Tre di questi, a 15 anni, sono già “vecchie conoscenze” (a conferma che i tempi sono decisamente cambiati in molto peggio) mentre al quarto è toccato allungare il triste elenco in Prefettura di coloro che risultano noti in qualità di consumatori abituali.

Gran finale in Commissariato. Mentre nell’attiguo Teatro “La Nuova Fenice” centinaia di genitori applaudivano i risultati sportivi dei propri figlioli migliori, altri otto genitori prendevano a schiaffi e calci nel sedere (ma è solo una speranza la nostra, non prendetela per una notizia) i tre recedivi e il quarto new entry nel mondo dei tossici.
In, per tutti e quattro, anche la denuncia, presso la Procura Minorile di Ancona, per essersi introdotti arbitrariamente in edificio pubblico.


 

BILANCIO COMUNALE 2017
LEGITTIMO O INFICIATO?
NEL DUBBIO
LA PAROLE D’ORDINE E’:
“NON SPENDERE!”
“PECCATO PER LA CHIUSURA
AL BELLA VITA
HO TRASCORSO BEI MOMENTI”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *