ZAFFIRI RIAPRE ALLA PARI ALLE LISTE CIVICHE
RIVENDICANDO ALLA LEGA LA GUIDA DELLA COALIZIONE

ZAFFIRI RIAPRE ALLA PARI ALLE LISTE CIVICHE RIVENDICANDO ALLA LEGA LA GUIDA DELLA COALIZIONE

 3,495 total views,  2 views today

Dopo l’appoggio tardivo alle Comunali, il capogruppo del Carroccio rinnova a Latini le porte aperte ad una collaborazione pari merito

Per Sandro Zaffiri, capogruppo della Lega in Consiglio regionale, non ci sono dubbi. 

“La ricetta umbra è da ripetere anche nelle Marche, corroborata da un confronto serio e approfondito tra tutte le componenti del Centro-Destra con l’aggiunta delle Liste civiche che vorranno sostenere e far parte di un progetto di governo regionale ispirato alla volontà di cambiare la rotta delle Marche.

Sandro ZAFFIRI e Matteo SALVINI in un comizio nelle Marche, la storica battaglie per la Regione è appena cominciata

Una coalizione – aggiunge Zaffiri – che non potrà non essere a trazione leghista ma che dovrà individuare un candidato Governatore soltanto dopo il passaggio preventivo della condivisione del programma.

D’altra parte – chiarisce Zaffiri – occorre non adagiarsi sul risultato di un’altra regione (la 12° in Italia, NdR.) passata al Centro-Destra e non farsi ammorbidire nell’impegno da un partito – quello Democratico – ormai ai titoli di coda e che giorno dopo giorno registra autentiche diaspore, sia di elementi di spicco dalla propria classe dirigente che di voti.

Dino LATINI ai tempi del Consiglio Regionale 2010-2015

Invitiamo chi continua a rivolgere alla Destra, in particolar modo alla Lega, parole di odio e sberleffo – conclude il capogruppo regionale del Carroccio – a guardare prima un casa propria perchè se è vero che le Marche appartengono ai marchigiani… allora questi sapranno ben scegliere chi dovrà rappresentarli al meglio nel futuro governo di questa regione”.


E DOPO 6 ANNI RIAPPARVE IL CAVALIER GALLINA!
IL “PICCOLO GIUDA” AL FUNERALE DI MAMMA CESARINA
STAMPA & VELINE, QUANDO LA NOTIZIA NON STRISCIA
LA PROFESSIONALITÀ IN REDAZIONE, QUESTA SCONOSCIUTA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *