ZINGARE DA RECORD, FESTEGGIANO IL 400° ARRESTO!
SPINELLI & DI ROCCO, MARCHIO DI FABBRICA PER FURTI DOC

ZINGARE DA RECORD, FESTEGGIANO IL 400° ARRESTO! SPINELLI & DI ROCCO, MARCHIO DI FABBRICA PER FURTI DOC

 74,786 total views,  34 views today

I Carabinieri contestano alle 4 donne 24 episodi, tutti a danni di anziani 80enni con bottino di circa 110.000 euro


Ad ogni arresto, ormai, è una autentica festa! Con i secondini delle case circondariali femminili, principalmente a Castrogno (nel Teramano) ma anche a Villa Fastiggi (nel Pesarese) ad organizzare eventi veri e propri di ritorno a casa!
Da inseguire, a quanto pare, il raggiungimento di autentici record mondiali in fatto di arresti – c’è chi parla del 400° ammanettamento di gruppo da un pezzo agli archivi) – di fronte ai quali il nostro pur volenteroso Marco Piergiacomi, con le sue truffe impunite da quattro soldi, finisce col fare la figura del pivellino alle prime armi!
Protagoniste dell’ennesimo momentaneo stop, prodotto dall’iniziativa dei Carabinieri del Nucleo Operativo osimano, le zingare rom della costa teramana legate alle storiche famiglie Spinelli e Di Rocco: due nomi e tante garanzie di lavoro per generazioni di Carabinieri e Polizia.


Immagine di repertorio


Abituate a farsi arrestare tutte e quattro insieme o – a volte – con qualche variante del momento, sempre da scegliersi, però, all’interno dei collaudati nuclei familiari – stavolta a varcare il carcere sono state solo in tre… dal momento che la quarta è risultata irreperibile al mandato di cattura trovandosi già al gabbio per il sopravanzare di qualche altra vicenda.
Ad accusare Clelia e Dora SPINELLI, zingare di 40 e 44 anni (originarie di Villa Rosa di Martinsicuro) e le rom Rita e Jovina DI ROCCO, 53 e 61 anni (residenti nella vicina Alba Adriatica), una sfilza di furti messi a segno a danno di solo ultra 70enni, in genere soli, con limitata capacità di difendersi.
Un modus operandi tanto più odioso visto che selezionava le vittime tra quelle a “colpo sicuro”, anziani soli di 75-80 e 90 anni, che una volta entrati nel mirino della banda familiare, difficilmente avrebbero potuto scampare al furto di quanto custodito in casa: denaro, piccoli monili d’oro e – ultimamente – anche carte di creduto o debito con tanto di pin custodito insieme!
Ben 24 gli episodi che gli uomini del Luogotenente NORM Luciano Almiento hanno messo insieme, negli ultimi cinque mesi dell’anno scorso, tutti a carico del poker di donne abruzzesi, per una media di colpo riuscito a settimana.
Questo il lungo elenco di reati contestato dai militari osimani alle quattro donne:
il 1° agosto 2018, a Senigallia, furto aggravato in abitazione commesso ai danni di una 81enne. Asportati subito 200 euro in contanti, numerosi monili in oro e soprattutto la tessera bancomat (con relativo codice segreto!) con cui le rom hanno avuto gioco facile nel “ripulire” il conto fino all’ultimo centesimo disponibile: 2.950 gli euro presenti.


Immagine di repertorio


Un mese dopo, a Chiaravalle, furto aggravato in abitazione commesso ai danni di un 85enne: trovati un casa 700;
il 9 settembre, sempre in Chiaravalle, furto aggravato in abitazione commesso ai danni di un 82enne: le rom si impossessano della somma di 600 euro e monili in oro per un valore di altri 800.
In precedenza, il 13 agosto, in Ancona, furto aggravato in abitazione commesso ai danni di una 84enne; bottino 600 euro e monili in oro per un valore di euro 820, oltre a diversi oggetti di minor valore in argento;
il 23 agosto, a Bellaria Igea Marina (Rimini), furto aggravato in abitazione commesso ai danni di un’anziana di 89 anni, messo a segno per appena 100 euro;
il 25 agosto, stavolta a San Benedetto del Tronto, furto aggravato in abitazione commesso ai danni di una donna 72enne. Rubati 280 euro e la tessera bancomat (con relativo codice segreto) con cui si è prelevato l’importo aggiuntivo di 200 euro;
il 27 agosto, stavolta ad Ascoli Piceno, furto aggravato in abitazione commesso ai danni di una 87enne; rubati solo monili in oro.
il 4 settembre, di nuovo ad Ascoli Piceno, furto aggravato in abitazione commesso ai danni di una donna 73enne, bottino 600 euro;
Sempre il 4 settembre, a Monsampolo del Tronto, furto aggravato in abitazione messo a segno ai danni di un’anziana 84enne; colpo particolarmente ricco con 7.000 euro in contanti e 8.000 in monili in oro, oltre a titoli e carte di pagamento custoditi in cassaforte;
il 7 settembre, a Falconara Marittima, furto aggravato in abitazione commesso ai danni di un uomo 79enne; pochi spiccioli (50 euro) e vari monili in oro;
il 12 settembre, a Capranica (Viterbo), furto aggravato in abitazione commesso ai danni di una donna 71enne, ove si impossessavano di numerosi monili in oro ed argento;
il 25 settembre, a Magliano Sabina (Rieti), furto aggravato in abitazione commesso ai danni di una donna 82enne; per il duo Spinelli-Di Rocco numerosi monili in oro valutati circa 3.000;
il 28 settembre, in Ancona, furto aggravato in abitazione commesso ai danni di un’anziana di 93 anni; con il pretesto di essere interessati alla prestazione di lavori sartoria, le quattro rom si sono introdotte in casa trovando appena la somma di euro 100;
sempre il 28 settembre, tentato furto aggravato in abitazione commesso ai danni di un uomo 82enne, stavolta senza riuscire ad asportare alcunché;
il 0 ottobre, a Viterbo, furto aggravato in abitazione commesso ai danni di un’anziana donna 92enne, ove si impossessavano della somma di euro 6.000 e vari monili in oro;
il 25 ottobre, in Colleferro (Roma), furto aggravato in abitazione commesso ai danni di una donna 82enne, ove si impossessavano di numerosi monili in oro;


Immagine di repertorio


il 6 novembre, in Viterbo, furto aggravato in abitazione commesso ai danni di un’anziana donna 96enne, con una di loro a fingersi parrucchiera. Bottino decisamente interessante di 6.000 euro;
l’8 novembre, in Pesaro, furto aggravato in abitazione commesso ai danni di un’anziana donna 86enne, anche stavolta grazie all’escamotage della finta parrucchiera: bottino di vari monili in oro;
il 12 novembre, a Servigliano (Fermo), furto aggravato in abitazione commesso ai danni di un’anziana 92enne, ove si impossessavano della somma di euro 500, nonché di una carta di pagamento;
il 12 novembre, a Riccione, tentato furto aggravato in abitazione commesso ai danni di un uomo 87enne, senza riuscire ad asportare alcunché;


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE L’ARTICOLO SU DENISE PIPITONE E LA DONNA RIPRESA NEL VIDEO DELLA GUARDIA GIURATA FELICE GRIECO.


il 21 novembre, a Valmontone (roma) furto aggravato in abitazione commesso ai danni di una donna 78enne, ove si impossessavano di un collier in oro del valore di euro 750;
il 27 novembre, in Falconara Marittima, furto aggravato in abitazione commesso ai danni di un’anziana donna 89enne; magro colpo per 200 euro perduti;


Immagine di repertorio

stesso giorno, stavolta a Civitella di Romagna (Forlì), furto aggravato in abitazione commesso ai danni di un’anziana donna 87enne, ove si impossessavano della somma di euro 150 e numerosi monili in oro;
ultimo colpo della serie addebitate alle due Spinelli e alle due di Rocco, quello messo a segno a Firenze; furto aggravato in abitazione commesso ai danni di un’anziana donna 93enne, alleggerita della somma di euro 2.395 euro e numerosi monili, in oro e argento, mancanti ad un primo inventario, per un totale complessivo di cinque mesi di “duro lavoro” vicino a 30.000 euro in contanti, altre ad 80.000 euro da riconvertire dalla vendita degli oggetti preziosi.
Ora per le quattro zingare la legge prevede un piccolo stop di qualche giorno e poi, una volta ripreso forza ed entusiasmo, subito via dal carcere… di nuovo al lavoro di una vita!



CONFERMATI IN APPELLO I 5 ANNI PER FABRIZIO ANTONELLI
IL PADRE DELLA RAGAZZA CHIEDE I DANNI AL SERT DI TORRETTE
DENISE, HA UN NOME LA ROM DELLA FOTO RICONOSCIUTA DA GRIECO
SI TRATTA DI SILVANA JANKOVIC, PROBABILMENTE IRREPERIBILE

6 Comments

  1. Ma non le vedete che facce da arpie che hanno queste quattro….sono delle parenti strette dei Casamonica e dei Guarnieri, molti di voi non se lo ricorderanno più ma queste grasciare erano sorelle, chi cognate di Spinelli Vito…di Ancona Pontelungo
    Un nome e una garanzia…..personalmente in un Lagher le porterei e le lascerei li

  2. La signora grassa assomiglia molto
    A quella con labambina davanti alla
    Banca ripresa dalka guardia,Danas
    Di quando e’ la foto?

  3. Volevo solo evidenziare che una di loro esattamente quella piu in carne sembra la signora che si vede nel video a Milano riguardo il rapimento di Denise Pipitone e laragazza in maglietta bianca sembra Denise.

  4. In realtà la prima ragazza raffigurata nella immagine di repertorio non sembrerebbe proprio dell’età di 40 anni …..sembra molto più giovane……e poi nessuna somiglianza con la signora della seconda immagine che risulta essere o parente o sorella …..difatti come nome vengono indicate come Dora e Clelia Spinelli…..
    La persona della prima immagine di repertorio invece a me sembra essere molto somigliante a Piera Maggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *